Mercoledì, 16 Giugno 2021
/~shared/avatars/67595978260250/avatar_1.img

Ivano

Rank 0.0 punti

Iscritto venerdì, 6 ottobre 2017

Filovia, Fiorilli: "Ripartire subito con l'attivazione dei filobus"

"PERCHÉ FIORILLI CONTINUA A SBAGLIARE

Una filovia è tale se sarà elettrificato l’intero percorso da servire. Altrimenti, meglio lasciar perdere. I sistemi bimodali cosiddetti “full electric” sono falliti dappertutto, perché scontano i costi di manutenzione e di esercizio di entrambi i sistemi di trazione in dotazione. Sia quelli della linea elettrica aerea di alimentazione, sia la gestione del pacco batterie di bordo per i tratti sprovvisti di linea aerea. Si tratta quindi di evitare l’acquisto di un vettore della specie, pure sovradimensionato per le effettive esigenze trasportistiche locali, dal costo insostenibile di esercizio di € 6.54/Km, che non potrà mai circolare su un tracciato che - per le limitate dimensioni della carreggiata - è inadeguato al BRT. Nove milioni buttati alle ortiche, che meriterebbero miglior impiego. Il “partito della Nazione” è fortemente determinato al pessimo affare per il timore che riemergano dal letargo decennale i giudici contabili aquilani dormienti. Cosicché il danno erariale già procurato di 15 milioni, raddoppierebbe fino a esaurimento dell’intero finanziamento disponibile. Un successone di “pura fantasia”, capace di garantire 8 milioni di passeggeri per anno e 5 milioni di ricavi provvidenziali per l’anemico bilancio aziendale. Come termini di confronto, la linea del 2/ conta 350 mila titoli di viaggio venduti per anno, mentre il complesso dei servizi forniti dalla Stazione ferroviaria di Pescara annovera 5 milioni di passeggeri(!). Non resta che confidare nell’intervento del MIT e della nuova direzione politica della Regione Abruzzo, fin qui primi responsabili dell’intricato guazzabuglio.
Ti sembrano argomenti “emozionali” questi, Caro Fiorilli?
Altro che “200 passeggeri per corsa!”. ????
L’impianto diverrebbe sostenibile sul piano economico e sociale solo se fosse in grado di garantire 2996 passeggeri/ora: in conformità ai dati forniti da Tonelli e riportati dallo studio specialistico di Catania nel PGTU adottato dalla evanescente Giunta municipale di Pescara. Ne sarà informato il leader di Azione politica? Cordialità"

4 commenti

Pista ciclabile sulla strada parco, partiti gli interventi di restyling [FOTO]

"Si tratta di un intervento parziale che, nelle intenzioni malcelate dell'Amministrazione, si prefigge, da un lato, di ricostruire la pista ciclabile - discontinua e sconnessa - nel posto sbagliato, data la promiscuità pericolosa con i pedoni; dall'altro, di preparare i luoghi onde favorire TUA S.p.A nell'improbabile avvento del filobus Van Hool Exquicity 18 T a doppia corsia di transito su un tracciato che non è - né sarà mai - in grado di accoglierlo in condizione di sicurezza di esercizio e regolare ed efficace funzionamento. In definitiva, ci troviamo al cospetto di una spesa pubblica che avrebbe meritato un impiego più attento e consapevole, che finirà invece per suscitare false aspettative trasportistiche in un luogo naturalmente destinato alla mobilità dolce."

2 commenti

Pista ciclabile sulla strada parco, partiti gli interventi di restyling [FOTO]

"Si tratta di un intervento parziale che, nelle intenzioni malcelate dell'Amministrazione, si prefigge, da un lato, di ricostruire la pista ciclabile - discontinua e sconnessa - nel posto sbagliato, data la promiscuità pericolosa con i pedoni; dall'altro, di preparare i luoghi onde favorire TUA S.p.A nell'improbabile avvento del filobus Van Hool Exquicity 18 T a doppia corsia di transito su un tracciato che non è - né sarà mai - in grado di accoglierlo in condizione di sicurezza di esercizio e regolare ed efficace funzionamento. In definitiva, ci troviamo al cospetto di una spesa pubblica che avrebbe meritato un impiego più attento e consapevole, che finirà invece per suscitare false aspettative trasportistiche in un luogo naturalmente destinato alla mobilità dolce."

2 commenti

Traffico e inquinamento, a Pescara ogni giorno entrano 100mila auto

"LE RAGIONI CHE SI OPPONGONO AL FILOBUS SULLA STRADA PARCO

Quindi, Stefano, diventa indispensabile il filobus sulla strada parco, vero? Eccoti pronte le ragioni contrarie.
1) Esiste sul mercato un filobus a guida vincolata, da impiegare a fini di sicurezza a doppia corsia su una carreggiata larga sette metri? No, non esiste dopo i fallimenti del Phileas e del Civis;
2) Esiste un progetto regolarmente approvato per il definitivo superamento delle barriere architettoniche che interessano l’intero tracciato? No, non esiste, a meno di transennare tutto e creare una barriera architettonica di sei Km, al pari della vecchia Ferrovia Adriatica;
3) Esiste una variante progettuale regolarmente approvata per la sistemazione a norma dei marciapiedi lato Mare e la ricostruzione integrale del fondo stradale del tratto pescarese con modalità idonee a sostenere il traffico pesante tipico delle metropolitane veloci di superficie? No, non esiste, Stefano Cacini;
4) Esiste il parcheggio scambiatore a Nord necessario a catturare almeno cinquemila auto dalla strada? No, non esiste;
5) Esiste un piano economico-finanziario sostenibile in grado di coprire i costi assai elevati di gestione dei sistemi TPL della specie? No, non esiste;
6) Conosci, Stefano, quanti milioni di Euro per anno perdono il filobus di Lecce, il Tram di Palermo e la metropolitana sospesa “ Minimetrò” di Perugia? Si tratta di decine di milioni di Euro per anno, attenzione!;
7) Esistono le risorse economiche per provvedere alla sistemazione delle criticità anzidette? No, non esistono.
E mi fermo qui, per ora.
A Te la replica, Stefano!"

7 commenti

L'aut aut di Fiorilli: “Far passare gli autobus sulla strada parco”

"FIORILLI E LA MEMORIA CORTA

Fiorilli dimentica che Corso Vittorio Emanuele l’ha riqualificata malamente lui, al pari della strada parco altrettanto malamente elettrificata contro la volontà dello stesso sindaco Mascia, per mera sudditanza nei confronti di GTM dominante. Come può un avvocato sollecitare soluzioni impraticabili su un tracciato mai attrezzato ad accogliere in condizioni di sicurezza una metropolitana veloce di superficie? La “presa in giro collettiva” è stata quella che Fiorilli e compagnia cantando hanno realizzato su questo Viale, impiegando nel modo peggiore possibile 20 milioni di Euro di denaro pubblico senza garantire uno straccio di servizio di trasporto alla Comunità. Anziché prendersela con i cittadini, ben più attenti degli addetti ai lavori, chieda loro scusa, piuttosto, per i danni rilevanti procurati al preesistente decoroso stato dei luoghi."

2 commenti

Riapertura Corso Vittorio, Pescara Mi Piace: "Gravi conseguenze per tutta la città"

"LE MEZZE VERITÀ

Su Corso Vittorio, Fiorilli - come di consueto - sostiene mezze verità. La prima: i soldi spesi al vento - perché il progetto è sbagliato - ammontano a 1,6 milioni. Il cemento, anziché liscio e ben levigato, come si conviene per il traffico pesante, è stato impropriamente bocciardato e colorato onde simulare - a fini architettonici - la pietra gialla di Siena. Con le conseguenti vibrazioni e sconnessioni al pacchetto stradale ricostruito in profondità, procurate dal passaggio ripetuto dei rotabili.
La seconda: il Corso non è stato per nulla ricostruito per essere pedonalizzato. Bensì - su precise istruzioni del Presidente GTM dell’epoca - per accogliere a braccia aperte il bidone olandese. A riprova di ciò, valgono le tre banchine di fermata lunghe trenta metri a misura del Phileas, unitamente ai sottoservizi utili ad accogliere l’impianto di elettrificazione al servizio del filobus fantasma, fallito a novembre 2014. Questi i fatti, inconfutabili, caro Berardino."

2 commenti

Fiorilli (Pescara Mi Piace): “Rifiutati gli autobus elettrici sulla strada parco, ora basta”

"FIORILLI FA LA VOCE GROSSA. CHE PAURA!

Ricordo a Fiorilli che “i tecnicismi campati in aria” hanno portato all’esaurimento il progetto estemporaneo sostenuto vanamente dallo stato maggiore del centrodestra nonostante tutti sapessero che sarebbe fallito miseramente. Il Phileas non ha mai funzionato regolarmente nel sistema semiautomatico di assistenza alla guida magnetica vincolata in dotazione al rotabile olandese. I comitati lo hanno segnalato nel 2010, in tempo utile per rimediare, Fiorilli li ha colpevolmente ignorati. Le carenze strutturali del tracciato, tutte irrisolte dopo un decennio di lavori irregolari e inconcludenti, prescindono dal sistema di trazione dei veicoli da impiegare in esercizio. A luglio prossimo Civitarese non potrà mantenere alcuna promessa. Né con i bus a metano, tanto meno con quelli elettrici. Per i quali occorrerà un nuovo bando di gara - concorso a rilevanza europea, dopodiché bisognerà produrli. Ne riparleremo tra un paio d’anni, caro Fiorilli. Nel frattempo, sarebbe assai gradito l’intervento della magistratura contabile, che i comitati hanno sollecitato opportunamente otto anni fa. È maturo il tempo di ricercare i colpevoli dello scempio che si è consumato ai danni di uno dei Viali più belli della Città di Pescara."

1 commenti

Degrado ed abbandono sulla Strada Parco, Pescara Mi Piace: "Situazione di stallo inaccettabile"

"Nei cinque anni della Giunta Mascia, con Fiorilli Vice Sindaco nonché assessore alla mobilità, sono stati portati avanti lavori palesemente irregolari su un tracciato inadeguato ad accogliere una metropolitana veloce di superficie. Sia per l’inadeguatezza strutturale del sottofondo, sia per la mancanza di marciapiedi non a norma, persino inaccessibili alle persone con disabilità. L’apposita prescrizione del Comitato VIA volta alla immediata eliminazione delle centinaia di barriere disseminate lungo l’intero percorso riservato al filobus, è rimasta del tutto disattesa a distanza di circa un lustro dal pertinente Giudizio n. 2275 dell’11 settembre 2013. A maggio 2014, in piena campagna elettorale, il Presidente Russo ordinò l’avvio dei lavori di tesatura dei cavi elettrici aerei contro il parere del sindaco Mascia, finalmente consapevole delle criticità irrisolte di un progetto fallimentare, i cui disastri sono sotto gli occhi di tutti i cittadini. Oggi, Fiorilli fa finta di nulla. Troppo comodo, caro Berardino! ????????????????"

3 commenti

Smog ed inquinamento, Pescara Mi Piace: "Stop alle auto su Corso Vittorio e Filovia"

"Berardino Fiorilli torna a parlare di Filovia, come se nulla fosse capitato in questi lunghi anni. Chiede a TUA di attivare almeno il primo lotto che, a sua insaputa, non è stato mai completato a regola d’arte. Visto che risulta tuttora privo degli indispensabili requisiti tecnici, strutturali, economici e persino morali, per i danni patrimoniali e d’immagine fin qui procurati ai cittadini e al bene comune “Strada parco”. E meno male che Pescara gli piace! ????"

3 commenti

Filovia, Fiorilli: "Ripartire subito con l'attivazione dei filobus"

"PERCHÉ FIORILLI CONTINUA A SBAGLIARE

Una filovia è tale se sarà elettrificato l’intero percorso da servire. Altrimenti, meglio lasciar perdere. I sistemi bimodali cosiddetti “full electric” sono falliti dappertutto, perché scontano i costi di manutenzione e di esercizio di entrambi i sistemi di trazione in dotazione. Sia quelli della linea elettrica aerea di alimentazione, sia la gestione del pacco batterie di bordo per i tratti sprovvisti di linea aerea. Si tratta quindi di evitare l’acquisto di un vettore della specie, pure sovradimensionato per le effettive esigenze trasportistiche locali, dal costo insostenibile di esercizio di € 6.54/Km, che non potrà mai circolare su un tracciato che - per le limitate dimensioni della carreggiata - è inadeguato al BRT. Nove milioni buttati alle ortiche, che meriterebbero miglior impiego. Il “partito della Nazione” è fortemente determinato al pessimo affare per il timore che riemergano dal letargo decennale i giudici contabili aquilani dormienti. Cosicché il danno erariale già procurato di 15 milioni, raddoppierebbe fino a esaurimento dell’intero finanziamento disponibile. Un successone di “pura fantasia”, capace di garantire 8 milioni di passeggeri per anno e 5 milioni di ricavi provvidenziali per l’anemico bilancio aziendale. Come termini di confronto, la linea del 2/ conta 350 mila titoli di viaggio venduti per anno, mentre il complesso dei servizi forniti dalla Stazione ferroviaria di Pescara annovera 5 milioni di passeggeri(!). Non resta che confidare nell’intervento del MIT e della nuova direzione politica della Regione Abruzzo, fin qui primi responsabili dell’intricato guazzabuglio.
Ti sembrano argomenti “emozionali” questi, Caro Fiorilli?
Altro che “200 passeggeri per corsa!”. ????
L’impianto diverrebbe sostenibile sul piano economico e sociale solo se fosse in grado di garantire 2996 passeggeri/ora: in conformità ai dati forniti da Tonelli e riportati dallo studio specialistico di Catania nel PGTU adottato dalla evanescente Giunta municipale di Pescara. Ne sarà informato il leader di Azione politica? Cordialità"

4 commenti

Pista ciclabile sulla strada parco, partiti gli interventi di restyling [FOTO]

"Si tratta di un intervento parziale che, nelle intenzioni malcelate dell'Amministrazione, si prefigge, da un lato, di ricostruire la pista ciclabile - discontinua e sconnessa - nel posto sbagliato, data la promiscuità pericolosa con i pedoni; dall'altro, di preparare i luoghi onde favorire TUA S.p.A nell'improbabile avvento del filobus Van Hool Exquicity 18 T a doppia corsia di transito su un tracciato che non è - né sarà mai - in grado di accoglierlo in condizione di sicurezza di esercizio e regolare ed efficace funzionamento. In definitiva, ci troviamo al cospetto di una spesa pubblica che avrebbe meritato un impiego più attento e consapevole, che finirà invece per suscitare false aspettative trasportistiche in un luogo naturalmente destinato alla mobilità dolce."

2 commenti

Pista ciclabile sulla strada parco, partiti gli interventi di restyling [FOTO]

"Si tratta di un intervento parziale che, nelle intenzioni malcelate dell'Amministrazione, si prefigge, da un lato, di ricostruire la pista ciclabile - discontinua e sconnessa - nel posto sbagliato, data la promiscuità pericolosa con i pedoni; dall'altro, di preparare i luoghi onde favorire TUA S.p.A nell'improbabile avvento del filobus Van Hool Exquicity 18 T a doppia corsia di transito su un tracciato che non è - né sarà mai - in grado di accoglierlo in condizione di sicurezza di esercizio e regolare ed efficace funzionamento. In definitiva, ci troviamo al cospetto di una spesa pubblica che avrebbe meritato un impiego più attento e consapevole, che finirà invece per suscitare false aspettative trasportistiche in un luogo naturalmente destinato alla mobilità dolce."

2 commenti

Traffico e inquinamento, a Pescara ogni giorno entrano 100mila auto

"LE RAGIONI CHE SI OPPONGONO AL FILOBUS SULLA STRADA PARCO

Quindi, Stefano, diventa indispensabile il filobus sulla strada parco, vero? Eccoti pronte le ragioni contrarie.
1) Esiste sul mercato un filobus a guida vincolata, da impiegare a fini di sicurezza a doppia corsia su una carreggiata larga sette metri? No, non esiste dopo i fallimenti del Phileas e del Civis;
2) Esiste un progetto regolarmente approvato per il definitivo superamento delle barriere architettoniche che interessano l’intero tracciato? No, non esiste, a meno di transennare tutto e creare una barriera architettonica di sei Km, al pari della vecchia Ferrovia Adriatica;
3) Esiste una variante progettuale regolarmente approvata per la sistemazione a norma dei marciapiedi lato Mare e la ricostruzione integrale del fondo stradale del tratto pescarese con modalità idonee a sostenere il traffico pesante tipico delle metropolitane veloci di superficie? No, non esiste, Stefano Cacini;
4) Esiste il parcheggio scambiatore a Nord necessario a catturare almeno cinquemila auto dalla strada? No, non esiste;
5) Esiste un piano economico-finanziario sostenibile in grado di coprire i costi assai elevati di gestione dei sistemi TPL della specie? No, non esiste;
6) Conosci, Stefano, quanti milioni di Euro per anno perdono il filobus di Lecce, il Tram di Palermo e la metropolitana sospesa “ Minimetrò” di Perugia? Si tratta di decine di milioni di Euro per anno, attenzione!;
7) Esistono le risorse economiche per provvedere alla sistemazione delle criticità anzidette? No, non esistono.
E mi fermo qui, per ora.
A Te la replica, Stefano!"

7 commenti

L'aut aut di Fiorilli: “Far passare gli autobus sulla strada parco”

"FIORILLI E LA MEMORIA CORTA

Fiorilli dimentica che Corso Vittorio Emanuele l’ha riqualificata malamente lui, al pari della strada parco altrettanto malamente elettrificata contro la volontà dello stesso sindaco Mascia, per mera sudditanza nei confronti di GTM dominante. Come può un avvocato sollecitare soluzioni impraticabili su un tracciato mai attrezzato ad accogliere in condizioni di sicurezza una metropolitana veloce di superficie? La “presa in giro collettiva” è stata quella che Fiorilli e compagnia cantando hanno realizzato su questo Viale, impiegando nel modo peggiore possibile 20 milioni di Euro di denaro pubblico senza garantire uno straccio di servizio di trasporto alla Comunità. Anziché prendersela con i cittadini, ben più attenti degli addetti ai lavori, chieda loro scusa, piuttosto, per i danni rilevanti procurati al preesistente decoroso stato dei luoghi."

2 commenti
IlPescara è in caricamento