rotate-mobile
Martedì, 5 Luglio 2022
Sport

Verratti pronto a prendere il centrocampo dell'Italia

L'ex giocatore del Pescara è entusiasta all'idea di diventare il simbolo del cambio generazionale dell'Italia, ma anche consapevole che da qui a sostituire Pirlo ancora ce ne corre

Entusiasta all'idea di diventare il simbolo del cambio generazionale dell'Italia, ma anche consapevole che da qui a sostituire Andrea Pirlo ancora ce ne corre: Marco Verratti, l'unico giocatore del gruppo azzurro a non aver mai disputato neppure una partita di Serie A, scalpita, ma lo fa in punta di piedi. '

'A parole e' facile sostituire un campione come Pirlo, nei fatti e' difficilissimo - sospira il giovane centrocampista del Paris Saint Germain, originario di Manoppello - Comunque ben vengano questo tipo di pressioni e questi esami di maturita', sto iniziando a capire quello che vuole da me Conte, dal punto di vista tattico il migliore allenatore che abbia mai avuto, e sento la sua fiducia. Questo e' importante e cerchero' di fare meglio possibile''.

Sa bene che l'assenza contemporanea di Pirlo e De Rossi rappresenta una grandissima chance per lui nel match con la Bulgaria contro cui il ct medita di affidargli le redini del gioco azzurro: ''Sono contento se mi verra' data opportunita' pero', a meno di non essere Messi, non e' mai un singolo a prendere per mano una squadra''.

Come dire, non addossatemi tutta la responsabilita': ''In Italia, se un giovane sbaglia due gare, la terza poi non la gioca. Ecco perche' se ti viene data un'occasione la devi sfruttare subito al meglio. Io simbolo del ringiovanimento di questa Nazionale? Sarebbe bello, vorrebbe dire che sto facendo bene. Pero' so che la mia carriera e' ancora all'inizio, devo migliorare in tante cose, normale quindi partire dietro quando in nazionale ci sono Pirlo e De Rossi, mi devo guadagnare ancora il posto anche se, quando vengo qui, mi sento un giocatore importante. Magari un giorno Conte ci provera' insieme, io e Andrea: a centrocampo io posso coprire piu' ruoli, nel Psg l'anno scorso giocavamo a due nel mezzo, quest'anno sono piu' mezz'alta''.

In Francia Verratti e' approdato dopo la promozione in A col Pescara di Zeman, senza disputare finora una sola gara nel massimo campionato italiano: ''Vero, pero' la cosa non mi pesa. Se cosi' fosse, significherebbe che a Parigi non sto bene, e invece ho avuto la fortuna di andare in un grande club dove da tre anni faccio la Champions e dove gioco con grandissimi campioni come Ibrahimovic: questo mi permette di crescere e migliorare ogni giorno, a livello di gioco ma anche mentale''.

Cio' non gli impedisce di pensare che prima o poi potrebbe tornare in Italia (''Dovendo scegliere, preferisco guardare in tv sempre le gare del campionato italiano: anche se ha qualche problematica, e' sempre bello da vedere'') e le voci sempre insistenti di un interesse nei suoi confronti di diverse societa', su tutte Juventus e Fiorentina, non lo lasciano indifferente: ''E' motivo di orgoglio sentire e leggere che ti seguono grandi club, vuol dire che sono sulla buona strada. Ma il mio pensiero ora e' tutto per il Psg, li' sto benissimo. Non e' il momento, dunque, di pensare a quello che sara': sono convinto che per costruire un grande futuro serve un grande presente''. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Verratti pronto a prendere il centrocampo dell'Italia

IlPescara è in caricamento