menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il Pescara in dieci conquista un punto a Giulianova: 1-1

I biancazzurri portano a casa un punto prezioso dalla trasferta di Giulianova. A lungo tempo in dieci uomini, riescono a trovare il vantaggio ma i giuliesi trovano il pareggio a tre minuti dalla conclusione. 1-1 il risultato finale

Un concentrato di emozioni al Fadini per il derby che ha visto contrapposto Giulianova e Pescara.
Una gara la cardiopalma, quella disputata dagli uomini di Bitetto: i bianco-azzurri faticano a star dietro ai giovani giallo-rossi che convincono nell’arco degli interi 90 minuti. L’arbitraggio lascia desiderare e rende nervosi gli oltre 5000 spettatori.

GIULIANOVA: Dazzi, Sosi, Migliore, Vinetot, Garaffoni, Croce, Carbonaro, Dezi, Melchiorri, Del Grande, Campagnacci. A disp: Buono, Donato, Lieti, Carratta, Panetta, Di Matteo, Iachini. All. Bitetto
PESCARA: Pinna, Medda, Petterini, Dettori, Mengoni, Romito, Carboni, Tognozzi, Zizzari, Sansovini, Bonanni. A disp: Prisco, Zanon, Coletti, Zappacosta, Verratti, Artistico, Ganci. All. Cuccureddu
Arbitro: Ciro Carbone di Napoli (Falanga e Ciampa di Torre del Greco).
Il primo tempo è caratterizzato dallo sciopero di 45 minuti dei tifosi del Giulianova che contestano, come molte altre tifoserie, l’introduzione della tessera del tifoso.

Cuccureddu deve fare a meno di Olivi e Gessa, sostituiti rispettivamente da Romito e Carboni.  Lo spettacolo non tarda a farsi vedere: i padroni di casa partono chiudendo il Pescara nella proprio a metà campo e non dando modo a Romito e compagni di uscire.
In più occasioni il duo Campanacci-Carbonaro impegna l’estremo Pinna, in giornata di grazia.

Al 20’ Campagnacci serve bene Carbonaro che calibra male il tiro, palla di un soffio alla destra della porta difesa da Pinna. Qualche minuto più tardi è “l’indiavolato” Campanacci a far tremare i tifosi  bianco-azzurri: da un corner battuto da Melchiorre, il centravanti giuliese incorna in modo errato alzando la palla di un soffio sopra il legno traverso.

Al 39’ l’evento che scuote il match: Dettori rimane a terra per un contrasto dubbio con un centrocampista giallo-rosso. L’arbitro non ferma il gioco, gli uomini di Bitetto continuano a giocare, in area Mengoni rifila una manata a Carbonaro che cade a terra. Il direttore di gara concede la massima punizione che viene battuta da Croce ed espulsione per il numero 5 bianco-azzurro. Pinna intercetta la traiettoria salvando il risultato.

Nel momento più difficile per la formazione allenata da Cuccureddu, Bonanni e Zizzari prendono per mano la squadra realizzando un gol “da manuale”. L’ex centrocampista blu-cerchiato recupera un pallone destinato al fondo campo trasformandolo in un traversone deviato in porta da Zizzari che si riprende di forza la figura di bomber. Il minuto è il 44, ma le emozioni non finiscono.

La reazione giuliese non tarda ad arrivare: al 45’ Vinetot colpisce la traversa deviando di testa una punizione battuta da Croce. Dopo 4 minuti di recupero il direttore di gara manda tutti negli spogliatoi.

La seconda frazione di gara si apre con lo stesso atteggiamento tattico del primo: il Giulianova attacca, mentre il Pescara si difende.
Pinna nei primi minuti è chiamato in causa dal solito Campagnacci in un paio di occasioni.

L’estremo pescarese all’ 86’, nega il pareggio ai padroni di casa anche sull’ex Marco Di Matteo che a tu per tu con Pinna spreca.

Non è così per il capitano Garraffoni che al contrario, capitalizza l’ultima azione degna di nota per la formazione di casa. Il minuto è l’87’: sugli sviluppi di una calcio di punizione, il difensore giallo-rosso devia la sfera in rete vanificando gli sforzi degli uomini di Cuccureddu che vedono definitivamente sfumare la vittoria quando Artistico calcia di prima intenzione, un bel pallone servito da Coletti, fuori dallo specchio della porta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento