rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Calcio

Varese Pescara 3-2 | Suicidio tattico del Delfino

Sconfitta incredibile dei biancazzurri: vanno in vantaggio con Maniero, poi si fanno rimontare e alla fine perdono 3-2. La retroguardia abruzzese ha dei grossi problemi da risolvere

Il Pescara non riesce a invertire la tendenza delle ultime giornate e, anzi, fa anche peggio, visto che da Varese non riporta a casa neanche un punto. La trasferta in terra lombarda finisce 3-2 al termine di una gara dalle mille emozioni, vissuta sul filo di lana dal Delfino.

E dire che si era partiti bene: nei primi quindici minuti la squadra di Marino prende d'assalto la retroguardia avversaria riuscendo anche a trovare il vantaggio al 13' con un gran destro di Riccardo Maniero.

In precedenza si era fatto vedere Cutolo con due occasionissime: una al 5' direttamente dall'angolo e un'altra al 6' con un sinistro da posizione difficile. All'11' Pavoletti aveva impegnato Pelizzoli, bravo a neutralizzare il tiro.

LA RIMONTA LOMBARDA - Al 24', però, il Varese pareggia i conti. Bella la combinazione sulla sinistra: cross di Franco per Pavoletti, lasciato inspiegabilmente solo nell'area biancazzurra. Il calciatore colpisce di testa e schiaccia implacabile alle spalle di Pelizzoli. E' 1-1. Nella ripresa il risultato viene addirittura ribaltato: è il 17' quando Fiamozzi la butta dentro a porta vuota intercettando un cross di Franco non trattenuto dal portiere e siglando così il 2-1 casalingo. 

L'ILLUSIONE E LA DEFINITIVA DEBACLE - Non tutto, però, sembra perduto per il Pescara, che al 38' rimette in piedi la partita grazie a Viviani: tiro secco a giro di interno destro che scavalca la barriera lasciando di stucco Bastianoni. Si tratta, tuttavia, solo di un'illusione: al 43', infatti, si consuma il suicidio tattico degli abruzzesi con un goal in contropiede di Pavoletti ben servito da Neto. Difesa completamente scoperta, i centrali si allargano e l'ex giocatore del Lanciano beffa tutti con un pallonetto.

Nel recupero, per la precisione al 49', Maniero si fa ribattere da Bastianoni una prodezza da distanza ravvicinata e fallisce il possibile 3-3. Prima, incredibile, sconfitta stagionale per il Pescara. La retroguardia conferma di avere dei grossi problemi da risolvere, e a questo punto sarà opportuno muoversi in fretta per evitare ulteriori brutte sorprese in futuro.

VARESE: Bastianoni, Lazaar (30’st Cristiano), Ely, Rea, Franco (37'st Ricci), Zecchin (24’st Barberis), Laverone, Corti, Fiamozzi, Pavoletti, Neto Pereira. All. Sottili. A disp. Milan, Damonte, Calil, Bjelanovic, Tremolada, Forte

PESCARA: Pelizzoli, Balzano, Cosic, Capuano, Frascatore (45'st Vukusic), Nielsen, Brugman (1’st Viviani), Ragusa, Cutolo, Maniero, Mascara (29’st Piscitella). All. Marino. A disp. Pigliacelli, Zauri, Politano, Vukusic, Bocchetti, Schiavi, Zuparic

ARBITRO: Pinzani di Empoli; assistenti Segna e Colella; IV Uomo Baldicchi

AMMONITI: Maniero (P), Pavoletti (V)

RETI: Maniero 13' pt, Pavoletti 24' pt, Fiamozzi 17' st, Viviani 38' st, Pavoletti 43' st

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Varese Pescara 3-2 | Suicidio tattico del Delfino

IlPescara è in caricamento