rotate-mobile
Calcio

Spoltore: la stella del Pescara Marco Delle Monache ospite della società

L'attaccante del Delfino, assieme al responsabile delle giovanili Londrillo, ieri al convegno "Due piedi sinistri", promosso dal club azulgrana per contrastare l'abbandono dell'attività sportiva dei più giovani dopo l'emergenza Covid

“Non bisogna mollare”. E' iniziato così l’intervento di Marco Delle Monache nel parlare ai giovani nel corso del convegno organizzato dallo Spoltore Calcio dal titolo "Due piedi sinistri", dedicato al problema dell'abbandono dell'attività sportiva dei ragazzi, cresciuto a dismisura dopo l'emergenza Covid. La stella del Pescara, classe 2005, ha motivato i giovani calciatori dello Spoltore raccontando la sua esperienza del 2020: “Durante il lockdown mi sono sempre allenato da casa. Ho sempre creduto in quello che faceva perché per me il calcio è vita. E’ stato un momento difficile, mancava la quotidianità, lo stare insieme con i compagni di squadra. Un periodo che spero non si replicherà, ma che mi ha aiutato a crescere. Ecco questo voglio dire ai ragazzi: non abbattersi mai davanti alle difficoltà, lavorare sodo e guardare al futuro con ottimismo”. Sulla partita vinta domenica scorsa contro la Gebilson, il folletto di Cappelle sul Tavo racconta: “Mi sono fatto trovare pronto. Quando il mister mi ha chiamato per entrare in campo ero carico. Avevo una grande voglia di fare bene. Mancava poco alla fine della gara e quando mi sono procurato il rigore mi sono emozionato tantissimo. Ci voleva un episodio del genere per sbloccare la gara. Esultare sotto la curva Nord è stato il massimo per me”. Sul prossimo impegno, contro il Messina di Gaetano Auteri, il tecnico che lo ha lanciato ancora 16enne nei professionisti: “Spero di poter partire dal primo minuto. Ma in ogni caso rispetterò le decisioni del mister. La squadra è in salute, molto affiatata e con il morale alle stelle. Siamo un gruppo magnifico e speriamo di fare grandi cose quest’anno. Ad Auteri posso solo dire grazie per aver sempre creduto in me”.

Pescara - Spoltore, prosegue la partnership

“Un bellissimo rapporto sportivo ci unisce allo Spoltore Calcio – ha detto Angelo Londrillo, responsabile settore giovanile del Pescara - . La valorizzazione del territorio per noi è la prima cosa. Negli ultimi anni abbiamo lavorato per instaurare e restaurare rapporti con le società sportive della provincia, affinché il Pescara Calcio possa essere per loro una società dalla quale avere massima collaborazione. Noi saremo sempre molto attenti e cercheremo in queste realtà ragazzi che possano essere utili alla nostra causa e arrivare nel calcio che conta. Il tema affrontato oggi va proprio in questa direzione, evitare il drop-out, incentivare e motivare i giovani”.

Loris Masciovecchio, responsabile settore giovanile dello Spoltore, ha fatto emergere il problema dell'abbandono dell'attività sportiva in età adolescenziale. “L'obiettivo è quello di sensibilizzare le società sul problema del drop-out. Quest’anno in particolare si avverte il grave problema dell’abbandono e quello che sta accadendo nel campionato Juniores ne è la testimonianza, con squadre che purtroppo devono rinunciare per mancanza di ragazzi. Con il Pescara abbiamo instaurato un interscambio di giocatori che giova ad entrambi i club. Abbiamo un ottimo rapporto di collaborazione e mi auguro che nel corso degli anni il legame diventi ancor più saldo. Per le società dilettantistiche avere un rapporto così collaborativo con il Pescara Calcio non può che fare bene”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spoltore: la stella del Pescara Marco Delle Monache ospite della società

IlPescara è in caricamento