Mister Sottil dopo il match di ritorno dei play out contro il Perugia: "Il Pescara ha meritato di rimanere in serie B" [VIDEO]

L'allenatore del Pescara ha commentato a caldo la vittoria ai rigori contro gli umbri. "Nelle due partite siamo stati superiori"

Il Pescara, considerando le due partite, ha meritato di rimanere in Serie B. Lo ha detto l'allenatore del Pescara Sottil, che ha parlato di un finale carico di emozioni con i biancazzurri che si sono imposti ai rigori, ed il Delfino che comunque nel bilancio fra la partita d'andata e quella di ritorno ha dimostrato qualità e grinta, senza mollare fino alla fine.

"Pescara è una bellissima piazza ed una bellissima realtà, il lavoro intenso fatto in questo ultimo mese ha dato risultati soprattutto in queste ultime due partite. Sono contento e ringrazio i ragazzi e la società. Quando sono stato chiamato ero molto orgoglioso di questo incarico, sono davvero felice per i tifosi e finalmente possiamo dire missione compiuta nonostante le difficoltà. La squadra ha iniziato a giocare veloce, come piace a me. Una bella favola che si è conclusa bene"

Intanto ieri notte, in casa Perugia, grosse contestazioni da parte dei tifosi nei confronti della società come riporta Perugia Today, con lancio di petardi ed insulti nei confronti del presidente Santopadre e dei giocatori, in particolare contro Iemmello che ha sbagliato il calcio di rigore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, l'Abruzzo non uscirà dalla zona rossa il 4 dicembre: manca solo l'ufficialità

  • Cosa mangiare per rafforzare le difese immunitarie: 6 alimenti per fare il pieno di energia

  • Esplosione e forte boato al confine fra Pescara e Montesilvano: sul posto i vigili del fuoco

  • Covid, dal 29 novembre cambiano i colori delle Regioni: l'Abruzzo resterà zona rossa almeno fino al 3 dicembre

  • L'Abruzzo resterebbe zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto, ma Marsilio punta ad anticipare

  • Tragedia nel Pescarese, pensionato rimasto vedovo si toglie la vita

Torna su
IlPescara è in caricamento