rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Calcio

Simone Di Nardo, lo Scafapassocordone sogna con il suo Re del gol

Il capocannoniere del girone C di Promozione, 7 gol in 9 partite, si racconta in un'intervista esclusiva: "A Cologna il mio anno più bello. Ho scelto questa società perché è ambiziosa, come me"

Sono 7 gol in 9 giornate. Simone Di Nardo è il re del gol del girone C di Promozione. A 33 anni, dopo aver segnato su tutti i campi d'Abruzzo e non solo, l'attaccante pescarese sta vivendo una seconda giovinezza a Scafa con la squadra di De Melis.

"Ho scelto questa società perché quando abbiamo parlato mi hanon fatto una buonissima impressione da subito. Mi sembrava la scelta più giusta. Perché mi piace competere. Loro volevano fare una squadra molto forte e l'idea mi è subito piaciuta. Il primato? Lo stiamo cercando, ma ci sono squadre molto attrezzate, come Atessa, Miglianico, Tollese, Fossacesia, Ortona. Tante che possono fare bene. Noi puntiamo su un gruppo sano e ben guidato e ci proveremo fino alla fine. Siamo partiti per fare bene, ma ora siamo lassù e vogliamo sognare".

Giovanili del Pescara, Angolana (in D), Cologna Paese, Bellaria (in C), L'Aquila (in D), Sambuceto. Tante esperienze nelle categorie superiori per Di Nardo: "L'anno che ricordo con più piacere è quello di Cologna Paese. Era la mia seconda esperienza nel calcio dei grandi, ero molto giovane e venivo solo da qualche apparizione in prima squadra con l'Angolana. Andai in prestito e vincemmo il campionato. Il presidente e il mister lì mi hanno fatto crescere tantissimo. Perletta e Fanì sono nel mio cuore. Poi Di Biagio, Obbedio, Centofanti, Di Cola, Zenobi, Rastelli: era una squadra fortissima e un gruppo fantastico. Abbiamo vinto il campionato e grazie a loro sono cresciuto come uomo e come giocatore".

Sul campo tanti gol e tanti momenti indelebili: "Le promozioni sono tra i miei ricordi più preziosi. Oltre a Cologna, anche a Sambuceto. Non solo per i risultati (con la Folgore dalla Promozione all'Eccellenza segnando 21 gol, ndc), ma anche per le persone con cui ho condiviso lo spogliatoio. Ci tengo molto a ringraziare i tecnici Maiorani e Morelli, per me due figure importantissime sotto ogni punto di vista".

Il tempo sembra essersi fermato per Di Nardo con la maglia dello Scafappasocordone. Ha già in mente cosa farà quando chiuderà la sua carriera di bomber? "Per il momento continuerò a divertirmi se troverò squadre che me lo permetteranno. Poi mi occuperò della mia famiglia e dei miei figli. Non credo che rimarrò nel mondo del calcio, al massimo farò lo spettatore in qualche partita...". 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Simone Di Nardo, lo Scafapassocordone sogna con il suo Re del gol

IlPescara è in caricamento