Sabato, 16 Ottobre 2021
Calcio

Siena-Pescara 1-0: Il Delfino cade a Siena e Stroppa lascia

Il Pescara di Stroppa, forse il più brutto della stagione, cade a Siena nello scontro salvezza del Franchi. Il tecnico lodigiano nel post partita si è dimesso. Nelle prossime ore la società dovrà decidere a chi affidare la squadra

Il Pescara cade nello scontro salvezza con il Siena e la sconfitta fa più male delle sei sberle ricevute la scorsa settimana dalla Juventus. Il Pescara, fatta eccezione per il rigore guadagnato e poi sbagliato da Vukusic, ha fatto ben poco per poter avere la meglio dei più grintosi e determinati giocatori toscani. Migliore in campo per i biancazzurri, per distacco, il giovane Mattia Perin che ha ipnotizzato in più di un'occasione gli avanti senesi.

Oltre alla sconfitta, pesante perchè arrivata contro una diretta concorrente, il Pescara torna dalla trasferta di Siena con ben tre squalificati sul groppone: Cascione, diffidato, ha rimediato il quarto giallo della stagione, mentre Capuano e Zanon sono stati espulsi dal direttore di gara nel corso del secondo tempo.  Stroppa, nel dopo partita, ha comunicato ai dirigenti biancazzurri di voler lasciare il timone della squadra.

Il ds Delli Carri ha fatto sapere che nelle prossime ore la società biancazzurra deciderà il nome del nuovo tecnico.

IL MATCH

Al 4' arriva la prima occasione per i padroni, ma Rosina con il destro calcia incredibilmente fuori da posizione vantaggiosa.

Al 20′ è ancora il Siena a sfiorare il vantaggio ma l’ex di turno Calaiò, oggi con le polveri bagnate, colpisce il palo dopo una bella azione manovrata. Passano dieci minuti e i toscani trovano il meritato vantaggio con Valiani, bravo a rubare il tempo a Nielsen e ad infilare con il sinistro l'incolpevole Perin.

Il Pescara prova reagire e al 42' Vukusic con un guizzo su Contini riesce a procurarsi un calcio di rigore. Dal dischetto lo stesso attaccante croato si fa parare il tiro da Pegolo.

Nel secondo tempo il Pescara prova ad alzare il baricentro e a buttare il cuore oltre l'ostacolo ma non riesce a creare grandissimi pericoli all'attenta difesa toscana.

Stroppa getta nella mischia tutti i suoi calciatori offensivi, Jonathas, Caprari e Celik, ma nessuno riesce a trovare il guizzo giusto.

Il pericolo più grande per i padroni di casa arriva direttamente da calcio d'angolo con Quintero che calcia direttamente in porta trovano il palo. In contropiede con Calaiò e Sestu, subentrato nella ripresa a Rosina, i bianconeri toscani sfiorano a più riprese la rete del raddoppio. 


SIENA (3-4-2-1) :Pegolo, Neto, Contini, Felipe, Angelo, Vergassola, Bolzoni, Rubin, Rosina (65’ Sestu), Valiani (86’ Del Grosso), Calaiò.

PESCARA (3-5-2): Perin, Cosic (80’ Celik), Capuano, Bocchetti, Zanon, Nielsen, Cascione, Quintero (65’ Caprari), Balzano, Abbruscato, Vukusic (55’ Jonathas). 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Siena-Pescara 1-0: Il Delfino cade a Siena e Stroppa lascia

IlPescara è in caricamento