rotate-mobile
Calcio

Due allenatori pescaresi in corsa per una panchina di serie B

A Pisa Maran a rischio esonero se perde sabato contro la Reggina: se salta, il club toscano sta valutando i profili di Luca D'Angelo (sarebbe un ritorno) e Massimo Oddo

Corsa a due tra i pescaresi Luca D’Angelo e Massimo Oddo per la panchina del Pisa, in serie B. La squadra toscana, ultima in classifica in serie B dopo quattro giornate, sta riflettendo sull’opportunità di esonerare Rolando Maran, che ha ereditato la panchina proprio da D’Angelo, dopo che quest’ultimo aveva chiuso la sua lunga esperienza con i toscani dopo aver perso la finale play-off l’anno scorso contro il Monza. Ora il club potrebbe richiamare il tecnico pescarese, ex difensore di Chieti, Castel di Sangro e Rimini, ancora sotto contratto fino a giugno 2023, per rilanciarsi dopo un avvio di campionato disastroso.

D’Angelo, però, spera di trovare posto anche in serie A, quando si aprirà qualche chance nella massima serie. Si parla di lui come possibile sostituto dell’ex biancazzurro Stroppa in caso di esonero di quest’ultimo al Monza, anche se c’è chi giura che Berlusconi porterà in Brianza qualche sua vecchia stella del Milan sulla panchina della sua nuova creatura calcistica. Il nome più gettonato è quello di Donadoni, ma la candidatura di D’Angelo è seria e resiste. Intanto sul tecnico piomba anche il Como, che si separa da Jack Gattuso. Ma c’è anche un piano B nella testa del ds Claudio Chiellini (fratello dell’ex difensore della Juventus, Giorgio), e porta a Massimo Oddo, il 46enne ex allenatore del Pescara che nell’ultimo campionato, da subentrato, ha portato ad un passo dalla serie B il Padova, perdendo solo la finalissima play-off contro il Palermo, ma vincendo la Coppa Italia di categoria nei mesi scorsi. Per Oddo (e il suo staff) sarebbe un ritorno in B in grande stile, dopo le ultime due esperienze negative tra Perugia e, appunto, Pescara: al Curi la retrocessione ai play-out contro il Delfino, all’Adriatico un esonero ai primi di novembre con la squadra in fondo alla classifica (e poi retrocessa in C). Probabilmente per capire le intenzioni della dirigenza del Pisa bisognerà aspettare la prossima partita di campionato, in programma sabato contro la Reggina di Inzaghi prima in classifica.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Due allenatori pescaresi in corsa per una panchina di serie B

IlPescara è in caricamento