Calcio

Sebastiani non abbassa la guardia: "Pescara, non guardiamo la classifica"

Il presidente soddisfatto del primato solitario, ma allontana facili entusiasmi: "Sabato contro la Viterbese sarà durissima, altro che testacoda..."

Il presidente Daniele Sebastiani non vuole fermarsi. Il suo Pescara è primo in classifica dopo quattro giornate e sta riavvicinando tifosi e ambiente dopo qualche anno di polemiche e guerre fredde. Merito di Auteri che, come dice il numero uno del club, "ricorda un po' il nostro primo Zeman", per metodo di lavoro e intensità negli allenamenti.

“Fa piacere essere primi in classifica da soli – le parole di Sebastiani – , ma sono passate solo quattro giornate, è molto presto. Partire così fa bene e ci serve, per l’autostima e per ridare entusiasmo alla piazza, ma la classifica dobbiamo guardarla molto più avanti e non oggi. Ora testa bassa e pedalare”.

La classifica dice che sulla carta Pescara-Viterbese di sabato prossimo all'Adriatico è un testacoda, ma Sebastiani scaccia letture superficiali e avverte i suoi: “La classifica non la guardiamo, la Viterbese ha una rosa di tutto rispetto, era partita per fare tutt’altro campionato: abbiamo il dovere di rispettarli e metterci, anzi, anche qualcosa in più rispetto alle partite precedenti perché sarà davvero dura sabato”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sebastiani non abbassa la guardia: "Pescara, non guardiamo la classifica"

IlPescara è in caricamento