rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Calcio

Reggina Pescara 2-3 | Il Delfino risorge e torna a vincere

Il Pescara ritrova la vittoria dopo 9 gare senza successi. Era infatti dalla prima in casa contro la Juve Stabia che la squadra non riusciva a imporsi sull'avversario

Il Pescara risorge e, rimontando un iniziale autogoal, ritrova la vittoria in Serie B dopo 9 gare senza successi. Era infatti dalla prima in casa contro la Juve Stabia che l'undici di Marino non riusciva a imporsi sull'avversario. Al Granillo di Reggio Calabria, contro la Reggina, c'è stata la tanto attesa inversione di tendenza, e ora il Delfino, forte del 2-3 conseguito in terra calabrese, ha riacquistato fiducia, imprimendo una svolta al suo campionato.

IL MATCH - Non esageriamo se, parlando della partita di questa sera, definiamo "eroico" il Pescara. I biancazzurri ci hanno creduto fino all'ultimo, nonostante la partenza fosse stata in salita. L’autogoal di Schiavi al 36' è stato come uno schiaffo che ha avuto l'effetto di scuotere e svegliare la squadra. La Reggina, infatti, è passata in vantaggio verso la fine del primo tempo sugli sviluppi di un cross di Di Michele dalla sinistra: Schiavi ha maldestramente beffato il suo compagno Belardi deviando il pallone in rete con il ginocchio.

LA REAZIONE BIANCAZZURRA - Risultato? 1-0 per gli uomini di Castori. Tuttavia, come si diceva, da lì è iniziato un altro match. All'8' della ripresa, Nasca concede un rigore ai nostri per un tocco di mano in area di Sbaffo, al rientro dopo un anno e mezzo di squalifica. Dal dischetto va Maniero, che con un gran destro sigla il suo quinto centro stagionale, ma soprattutto l'agognato pareggio. Passano sei minuti e Politano ribalta il risultato mettendo a segno l'1-2 del Delfino: tutto merito di un delizioso tiro all'angoletto basso.

Al 18' gli abruzzesi sembrano chiudere definitivamente i conti con Ragusa, ma gli amaranto sono intenzionati a vendere cara la pelle. Prima al 39' c'è un'azione combinata De Rose-Rigoni con Di Michele che spara alto, poi al 43' i calabresi accorciano le distanze con Gerardi che, lasciato libero dalla difesa biancazzurra, insacca di testa sfruttando un corner di Falco. Ultimo brivido al 44': Di Michele colpisce la sfera a metà e non riesce a coordinarsi. Il Pescara respinge l'assalto al fortino e strappa tre punti preziosissimi. E' la rinascita.

REGGINA: Benassi; Maicon, Lucioni, Ipsa, Adejo; Rigoni, Strasser, Dall’Oglio (28' st De Rose); Sbaffo (10' st Falco); Di Michele, Cocco (23' st Gerardi). A disp: Zandrini, De Rose, Gerardi, Louzada, Di Lorenzo, Gentili, Caballero, Maza, Falco. Allenatore: Sig. Castori

PESCARA: Belardi; Zauri, Schiavi, Cosic (1'st Bocchetti); Balzano, Brugman, Rizzo, Rossi; Ragusa, Maniero (27' st Mascara), Politano (42' st Cutolo). A disp: Pigliacelli, Viviani, Cutolo, Vukusic, Bocchetti, Fornito, Padovan, Zuparic, Mascara. Allenatore: Sig. Marino

Arbitro: Sig. Nasca di Bari

Reti: 36' Schiavi (aut), 8' st Maniero (R), 14' st Politano, 18' st Ragusa, 43' st Gerardi

Note: recupero: 1' pt, 4' st.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Reggina Pescara 2-3 | Il Delfino risorge e torna a vincere

IlPescara è in caricamento