menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pro Vercelli-Pescara 5-2 | Sonora disfatta per il Delfino, la Serie A si allontana

Gara iniziata in ritardo di due ore per consentire lo sgombero del campo dalla neve. Biancazzurri irriconoscibili. Ora all'Adriatico arriva il Novara, che ci ha raggiunto al terzo posto

Il Pescara tocca forse il punto più buio di questa stagione e a Vercelli rimedia un pesante 5-2. Una vera e propria disfatta, maturata tra l'altro "in ritardo", dal momento che l'inizio della partita è stato posticipato di due ore per sgomberare dal campo la neve caduta copiosa sul capoluogo piemontese.

IL MATCH - Al 37', sugli sviluppi di un calcio d'angolo, Coly incoccia in area anticipando tutti e sigla l'1-0. Al 39' Malonga raddoppia approfittando di una punizione dell'ex Virtus Lanciano Mammarella: Fiorillo respinge il suo colpo di testa, ma l'attaccante insiste e la butta dentro a due passi dalla porta. A complicare le cose ci si mette anche il fatto che il Delfino resta in dieci uomini al 44' per un fallo di Zampano da ultimo uomo su Malonga: l'arbitro non ha dubbi e caccia il giocatore biancazzurro.

TORREIRA ACCORCIA LE DISTANZE - Gli ospiti, comunque, accorciano le distanze al 7' della ripresa grazie a un corner conquistato da Benali: Torreira si inserisce ottimamente e piazza la sfera nell’angolo più vicino. Purtroppo, dopo appena tre minuti, i padroni di casa prendono nuovamente il largo: cross di Germano dalla destra, Scavone spara dal limite e beffa Fiorillo. Al 15' un diagonale di Beretta porta il risultato sul 4-1. Il Delfino, sempre più irriconoscibile, perde la testa e a nulla serve il goal di Benali al 31', che con un tiro di piatto segna il momentaneo 4-2.  

Al 36', ancora su angolo di Mammarella, la Pro Vercelli chiude il match sul 5-2 con una doppietta di Scavone. Sabato prossimo all'Adriatico si disputerà la gara contro il Novara, che ci ha ora raggiunto al terzo posto: per evitare che la Serie A continui ad allontarsi bisognerà assolutamente vincere, anche perchè a questo punto i playoff sono diventati inevitabili e si lottera' per mantenere l'attuale posizione di classifica. Peccato, perchè questa squadra ha buttato via almeno 10 punti. Non tutto, però, è perduto.

PRO VERCELLI (3-5-2): Pigliacelli; Legati, Budel, Coly; Mammarella, Scavone, Rossi, Emmanuello (dal 25′ st Ardizzone), Germano; Beretta (dal 37′ st Marchi), Malonga (dal 27′ st Mustacchio). A disp.: Forte, Filippini, Redolfi, Melgrati, Berra, Sprocati. All. Foscarini.

PESCARA (4-3-2-1): Fiorilllo; Zampano, Fornasier, Zuparic, Mazzotta (dal 32′ st Bruno); Memushaj, Torreira (dall’11 st Joel Acosta), Selasi (dall’11’ st Vitturini); Benali, Caprari; Cocco. A disp.: Mandragora, Aresti, Mitrita, Pasquato, Verde, Cappelluzzo. All. Oddo.

Reti: al 37′ pt Coly, al 39′ pt Malonga, al 7′ st Torreira, al 10′ st Scavone, al 15′ st Beretta, al 31′ st Benali, al 36′ st Scavone

Arbitro: Valerio Marini di Roma 1

Assistenti: Pasquale Cangiano e Pietro Del Giudici

Ammoniti: Legati, Rossi, Coly

Esplusi: Zampano 44′ pt

Recupero: nessuno nel primo tempo, 3 minuti nella ripresa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zone rosse in Abruzzo, chi entra e chi esce

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento