menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Poveri ma belli", arriva il libro sul Pescara di Giovanni Galeone

Gli anni d'oro del calcio pescarese, dalla polvere al sogno, raccontati da Lucio Biancatelli. Prefazione di Gianni Mura. Una storia irripetibile con un unico grande protagonista: il Profeta. Senza dubbio il personaggio più amato e idolatrato dalla nostri città

Lo chiamavano calcio champagne. Gli esecutori erano ragazzini alle prime armi nel dorato mondo del professionismo, plasmati da un allenatore anch'egli sconosciuto, ma capace di trasformare i suoi calciatori in prodigiosi talenti. Un gruppo per certi versi stravagante, privo di leader e fuoriclasse, capace di esprimere un gioco arrembante, spettacolare, mai visto prima.

Il Pescara di Galeone, datato 1986/87, fa parte della storia del calcio nazionale. Un ciclo che ebbe inizio con un ripescaggio in serie B a seguito del fallimento del Palermo (coincidenza che ritorna) e costruito senza alcuna cognizione progettuale e senza alcun investimento finanziario.

Al centro di questo microcosmo, fatto di particolari curiosi e aneddoti straordinari, c'era lui, il Profeta. Senza dubbio il personaggio più amato e idolatrato dai pescaresi, al quale va il merito di aver risvegliato una città che, grazie ai successi della propria squadra, si scopre improvvisamente piena di vita.

"Poveri ma belli - il Pescara di Galeone dalla polvere al sogno", in libreria dal 23 maggio, è il titolo del volume di Lucio Biancatelli edito da UltraSport. Quasi 200 pagine da leggere tutte d'un fiato, emozionanti, frutto di racconti scolpiti nella mente e nel cuore di ogni tifoso biancazzurro. Rebo-gol, Rocco volante, la nidiata della Primavera, il Gaucho Gaudenzi, i superstiti della gestione Catuzzi, la zona, il 4-3-3, le trasferte di massa, e quel coro "Galeone-Gale-Galeone" scandito come un mantra.

La prefazione di Gianni Mura introduce alla perfezione nel clima di festa vissuto in quel periodo che vide il culmine con il traguardo della serie A e l'entrata in scena di miti assoluti quali Junior, Sliskovic, Allegri e Massara. Una pubblicazione che celebra doverosamente quel Pescara diventato leggenda. Per saperne di più, clicca qui.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento