menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pescara-Venezia 0-2: nuova sconfitta per i biancazzurri, Ceter sbaglia anche un rigore

La squadra di Breda raccoglie 0 punti anche in questa 23a giornata del campionato di serie B: allo stadio Adriatico piove sul bagnato, o meglio nevica, con una temperatura molto rigida e il campo sistemato già da ieri sera per essere utilizzabile anche con questo clima

Pescara-Venezia termina 0-2: è una nuova pesante sconfitta per gli abruzzesi, che sul finale non riescono nemmeno ad accorciare le distanze perché Ceter, come se non bastasse, sbaglia pure un rigore. Così la squadra di Breda raccoglie 0 punti anche in questa 23a giornata del campionato di serie B.

Allo stadio Adriatico insomma piove sul bagnato, o meglio nevica, con una temperatura molto rigida e il campo sistemato già da ieri sera per essere altresì utilizzabile con questo clima. Battute a parte, per il Delfino è sempre più notte fonda.

Pescara-Venezia: la cronaca

I padroni di casa restano spesso rintanati nella propria tre quarti anziché cercare di creare qualche occasione. Il Venezia, invece, attacca, e al 15' riesce a trovare il vantaggio con un'azione da calcio d'angolo: la palla, battuta da Tuagourdeau, va sul primo palo e viene deviata in rete da Sorensen dopo una presunta spinta ai suoi danni. Autogoal, dunque, del difensore biancazzurro e ospiti già avanti per 0-1.

Intorno alla mezz'ora i lagunari si divorano l'occasione del 2-0: un errore di Scognamiglio, infatti, manda Bocalon a tu per tu con Fiorillo, ma fortunatamente il risultato è un nulla di fatto. Il Pescara sostanzialmente non gioca e, di conseguenza, non riesce ad agguantare il pareggio. Si va dunque al riposo.

Nella ripresa la partita è ancora piatta ma sembra molto più equilibrata rispetto alla precedente frazione. Tuttavia al 74' sugli sviluppi di un corner arriva il colpo di testa vincente di Modolo, che permette alla formazione di Zanetti di raddoppiare. All'85', come detto, l'arbitro assegna un penalty ineccepibile in favore del Delfino per un intervento di Felicioli su Ceter.

Dal dischetto va proprio quest'ultimo, che purtroppo sbaglia, mandando alto sopra la traversa. Non succede altro. Consolidato l'ultimo posto in classifica. E a questo punto mister Breda potrebbe davvero avere le ore contate.

Pescara-Venezia: il tabellino

PESCARA (3-5-1-1): Fiorillo, Bellanova, Scognamiglio, Bocchetti, Sorensen, Masciangelo, Valdifiori, Dessena, Machin, Tabanelli, Odgaard. A disp.: Alastra, Radaelli, Drudi, Balzano, Guth, Nzita, Omeonga, Rigoni, Basit, Ceter, Galano, Riccardi, Capone, Vokic. All. Breda

VENEZIA (4-3-3): Pomini, Tuagourdeau, Mazzocchi, Aramu, Modolo, Felicioli, Di Mariano, Bocalon, Maleh, Ceccaroni, Crnigoj. A disp.: Lazar, Carotenuto, Cremonesi, Ferrarini, Ricci, St. Clair, Svoboda, Dezi, Rossi, Esposito, Johnsen, Molinaro. All. Zanetti

ARBITRO: Illuzzi di Molfetta

Reti: Sorensen 15' aut., Modolo 79' st 

Recupero: 2' pt, 5' st

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento