menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pescara Triestina: statistiche e probabili formazioni

Battere la Triestina per continuare a sognare. Serrare i ranghi e non badare ai rumors di mercato perché la nuova Triestina di Salvioni è in serie utile da tre turni. Questo l'obiettivo del Delfino

Battere la Triestina e rimanere con i piedi bien piantati a terra. E' questo il monito di mister Di Francesco alla vigilia della sfida con la formazione alabardata. "La nuova Triestina di Salvioni è in serie utile da tre turni e non è avversario da sottovalutare. Dobbiamo rimanere concentrati sull'obiettivo salvezza e poi eventualmente fare altre valutazioni - ha detto Di Francesco".
Antonelli e compagni in settimana hanno anche messo alle corde la capolista Novara.

All’andata, al Nereo Rocco di Trieste, la sfida tra le due formazioni terminò  1 a 0 per i padroni di casa con gol di Marchi. Quello di settembre, però, era un altro Pescara, più timoroso e meno consapevole delle proprie potenzialità. Di Francesco con il passare delle giornate ha oliato meccanismi e soprattutto inculcato una mentalità vincente ai suoi. Il Pescara di oggi, su qualsiasi campo, gioca la propria gara senza far barricate e senza ostruzionismi.

DAL CAMPO. Il recupero di Gessa permetterà a Di Francesco di schierare il Pescara con due ali capaci d’incidere sulle corsie esterne. In attacco, accanto a Sansovini, dovrebbe partire dal primo minuto Bucchi. L’ex Napoli, in settimana ha però subito un colpo all’anca e la sua presenza dal primo non è scontata. Se non dovesse recuperare spazio a Maniero. A centrocampo Cascione e Nicco agiranno in mezzo con il rientrante Gessa e Bonanni sulle corsie esterne. In difesa i soliti noti Zanon, Olivi, Mengoni e Petterini.
 

TRIESTINA. Salvioni ha fatto disputare ai suoi ragazzi un amichevole contro i dilettanti della Manzanese. Probabile che per la trasferta di Pescara l’ex tecnico dell’Ancona si affidi ad un solido 4-4-2. A protezione di Colombo ci saranno D’Ambrosio, Cottafava, Malagò e Longhi. In mezzo al campo l’ex Antonelli partirà da destra con  Gerbo e Lunardini in mezzo e  Miramontes a sinistra. In attacco accanto a Marchi potrebbe essere schierato il capitano Testini. Non è da escludere comunque l’impiego di Testini in mezzo al campo per dare spazio in avanti a Della Rocca.

STATISTICHE. Tra Pescara e Triestina 21 precedenti in serie B, con 11 vittorie alabardate,  8 biancazzurre 3 pari. L’ultima sfida all’Adriatico, 2006/2007, ha visto prevalere i biancazzurri per 2 reti a 0 con gol di Gonnella e Martini. All’andata, al Nereo Rocco, gli uomini di Ivo Iaconi (poi esonerato per far posto a Salvioni) sconfissero gli adriatici grazie ad una rete di Marchi.
 

IL FISCHIETTO. A dirigere Pescara Triestina sarà Andrea Corletto di Castelfranco Veneto, coadiuvato dagli assistenti Segna e Agrigento e dal Quarto uomo Gavillucci.
 
MERCATO. Ultimi giorni di mercato e tante posizioni da definire. Oltre ai già citati Camorani, Carboni, Aquilanti( vicino alla firma con l’Alessandria) e Alcibiade (è praticamente fatta con il Gubbio), anche l’eroe della promozione Massimo Ganci sembra sul punto di cambiare casacca. L’attaccante milanese è corteggiatissimo dal Verona, sì proprio il Verona che ha lasciato a bocca asciutta la scorsa estate. Gli scaligeri avrebbero già intrapreso un fitto dialogo con il procuratore del giocatore, Sauro Catellani. In entrata si lavora per riportare in biancazzurro Carlo Luisi, il cui rinnovo contrattuale con il Modena non è più così scontato come sembrava tempo fa. Sul forte mediano pescarese hanno messo però gli occhi anche il Torino di Lerda e l’ambiziosa Cremonese targata Acor

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento