rotate-mobile
Mercoledì, 5 Ottobre 2022
Calcio

Caro-bollette, il Pescara pronto a giocare anche al mattino

Il presidente Sebastiani si accoda al numero 1 della Lega Pro Francesco Ghirelli, che nei giorni scorsi ha lanciato la provocazione: "In inverno gare di serie C al mattino o a ora di pranzo per contrastare l'aumento dei costi energetici"

La proposta del presidente della Lega Pro, Francesco Ghirelli, fa discutere gli addetti ai lavori. "Giocare le partite invernali di serie C al mattino o nelle ore centrali della giornata per contrastare l'aumento fuori controllo dei costi energetici ed evitare un tracollo delle società e del sistema del calcio di C", questa in sintesi la proposta lanciata nei giorni scorsi da Ghirelli. Nella testa del numero uno della C (e vice presidente Figc) c'è una vera rivoluzione: i posticipi serali verrebbero aboliti e alcune partite potrebbero essere spostate addirittura in orari precedenti al classico lunch-match di mezzogiorno. La programmazione televisiva verrebbe completamente rivista, ma si tratterebbe del male minore rispetto a costi che rischiano di rivelarsi eccessivi per i club, specialmente dopo la crisi derivante dai due anni di pandemia a pubblico ridotto o azzerato. “Questa ipotesi sarà discussa nel prossimo consiglio di Lega. La Lega di Serie C rappresenta il calcio del territorio, il calcio sociale, e, come sa anche il premier Draghi, siamo un settore produttivo. Occorre intervenire subito e dare ai club la possibilità di usufruire di tutti gli interventi, previsti o che saranno varati”.

Sebastiani d'accordo con Ghirelli

“Giocare di mattina o nelle ore centrali della giornata? Credo che sia una strada che saremo costretti a percorrere, se non ci saranno segnali e la situazione non migliorerà nei prossimi mesi. Sono d’accordo con l’idea del presidente Ghirelli. Certo, giocare di mattina forse è solo una provocazione, ma anticipare all’ora di pranzo o nel primo pomeriggio potrebbe essere una necessità, non una scelta, e non solo per noi della serie C”. Il presidente del Pescara, Daniele Sebastiani, è d’accordo con il numero uno della Lega Pro, Francesco Ghirelli, che in questi giorni ha aperto il dibattito sull’insostenibilità del caro energia anche per il mondo del calcio e per la società di C. Giocare nelle ore più calde del giorno per ridurre le spese necessarie per l'illuminazione e il riscaldamento: questa la linea di principio che trasformerà i calendari della Serie C nei mesi invernali, in modo da permettere alle società di risparmiare sul pesantissimo caro-bollette per la chiusura dei gasdotti russi. Anche i tifosi sembrano pensarla allo stesso modo, ma solo se la Lega Pro non farà figli e figliastri e sposterà gli orari di tutte le 60 squadre dei suoi tre gironi. "Sarebbe anche più comodo seguire la squadra in trasferta. Certo, sarebbe impossibile giocare a ora di pranzo un turno infrasettimanale in un giorno lavorativo. Speriamo che non sia solo una boutade, ma un'idea concreta in grado di soddisfare tutti", è il commento di alcuni tifosi pescaresi di club organizzati.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caro-bollette, il Pescara pronto a giocare anche al mattino

IlPescara è in caricamento