rotate-mobile
Mercoledì, 29 Maggio 2024
Calcio

Pescara-Juventus Next Gen 1-3, eliminazione e rissa finale: cronaca, tabellino e voti

Era il secondo turno della fase a girone, gara secca all'Adriatico col Delfino che aveva 2 risultati su 3 a disposizione per passare al successivo step

Pescara eliminato dai playoff, nel modo più brutto possibile. Ma vista la deludente stagione, forse è stato giusto così. Il Delfino aveva a favore il fattore campo e due risultati su tre per passare il turno, non è riuscito a sfruttare il vantaggio perchè una Juventus Next Gen più motivata, più determinata e più di qualità si è imposta per 3-1. Dopo 6 minuti la prima rete, di Sekulov, nel recupero del secondo tempo le altre 3 di serata: di Guerra a chiudere il match, di Milani e Mbangula a rifinire il punteggio. Il terzo gol bianconero, siglato in contropiede solitario sotto la Nord, ha scatenato le ire dei giocatori biancazzuri perchè Mbangula è andato a festeggiare sotto lo zocco duro del tifo di casa e ne è scoppiata una rissa. L'esito? L'espulsioni di Sasanelli e Pedro Felipe, un uomo per parte. 

Per il calcio di inizio del match mister Cascione ha optato per due cambi rispetto alla formazione proposta martedì contro il Pontedera. Sono stati sostituiti in mediana Tunjov (e non il diffidato Aloi) con Franchini e in avanti Accornero con Cangiano. Nella Juve panchina iniziale per l'ex Cerri, che in estate potrebbe tornare in riva all'Adriatico in prestito. Il centravanti è bomber Guerra, il fuoriquota della Next Gen (che ha ottenuto in regular season il miglior piazzamento della sua storia), che in stagione ha già segnato 3 gol al Pescara (1 all'andata e 2 al ritorno). Ospiti subito in vantaggio al 6', grazie a Sekulov che raccoglie nel cuore dell'area di rigore pescarese una respinta corta e batte senza pietà Plizzari. Come con il Pontedera, partenza ad handicap del Delfino. Incassato il gol, il Pescara si è riversato convintamente in avanti alla ricerca dell'immediato pari ma Cuppone ed Aloi, in due circostanze consecutive in una manciata di secondi, sono stati murati dai difensori juventini (Muharemovic prima e Savona poi). Anche Merola ha avuto la palla buona per il pari, ma il guizzo non è stato giusto. La Juve però ogni volta che affonda fornisce la sensazione di far male: va in gol con Comenencia, giustamente annullato per fuorigioco, e sfiora il raddoppio con Guerra in 2 minuti dal 18' al 20'. Cuppone attacca sempre la profondità alle spalle di uno dei braccetti della difesa a tre bianconera, ma senza esiti propizi. Il Pescara però c'è ed è in partita, deve stare attento a non prendere un altro gol ben sapendo che con una rete e dunque col pari passerebbe lui al prossimo step dei playoff. Nonge ed Hasa fanno quel che vogliono in mezzo al campo e il primo tempo scivola via, tra ribaltamenti di fronte rapidi ma poche emozioni.La principale? Un tiro di Cangiano da fuori al 41' che trova la deviazione di Muharemovic ma il riflesso felino di Daffara a salvare lo 0-1.

Ad inizio ripresa è stato Merola il più pericoloso, con un tiro da fuori e un colpo di testa, tra i biancazzurri all'interno di un approccio connotato da ritmi più bassi rispetto a quelli, a tratti forsennati, della prima frazione. Si è ripartiti dagli stessi 22 dei primi 45 minuti di gioco, ma se Brambilla poteva essere soddisfatto dei suoi lascia perplessi la scelta di cascione di non optare per qualche sostituzione all'intervallo. Più di un biancazzurro, infatti, è sembrato appannato nella prima metà di sfida. Troppo prevedibile il Pescara nella sua proposta. Cascione è corso ai ripari, passando al 4-2-3-1 con Accornero al posto di Aloi al 68'. Ma le cose non cambiano. Arbitro e Var sorvolano su un intervento di Comenencia su Cangiano ed è l'unico spunto di cronaca da segnalare al 76'. Tre minuti dopo Cascione inserisce Tunjov per Franchini. Sasanelli per l'infortunato Cangiano è il terzo cambio pescarese (87') ma la sostanza resta la stessa. E al 91' Guerra cala il sipario col il raddoppio bianconero che significa vittoria e qualificazione. Fine stagione, amarissimo, per il Delfino. Come amaro è stato questo triennio in C. E l'annata si conclude in modo ancor più brutto. Al 97' Milani segna il gol della bandiera, Mbangula in contropiede solitario al 99' il 3-1 e festeggia sotto la Nord. I pescaresi non la prendono bene e scoppia un parapiglia bruttissimo, di cui fanno le spese Sasanelli e Pedro Felipe espulsi. 

Domenica 12 maggio alle 9:30 in diretta SkySport24, saranno sorteggiati gli accoppiamenti del primo turno della fase nazionale in programma il 14 e il 18 maggio (sfide di andata e ritorno). Vicenza, Carrarese e Benevento, terze classificate nei rispettivi gironi di regular season, faranno il loro ingresso nella competizione insieme al Catania, vincente della Coppa Italia di Serie C. I quattro club saranno “teste di serie” insieme alla migliore qualificata del turno precedente e non potranno scontrarsi tra loro. A questi club si aggiungono le squadre che ieri sera hanno ottenuto il passaggio del turno.

Il tabellino

Pescara-Juventus Next Gen 1-3

PESCARA (4-3-3): Plizzari 6; Floriani Mussolini 5,5, Brosco 5,5, Mesik 5,5, Milani 6; Franchini 5 (79 Tunjov sv), Squizzato 5,5, Aloi 6 (68' Accornero 5,5); Merola 6, Cuppone 6, Cangiano 5,5 (87' Sasanelli sv). A disp. Gasparini, Profeta, Di Pasquale, Moruzzi, Pierno, Pellacani, Staver, De Marco, Meazzi, Capone, Masala, Vergani. All. Cascione 5,5

JUVENTUS NEXT GEN (3-5-2): Daffara 6,5; Savona 6, Pedro Felipe 5,5, Muharemovic 6; Comenencia 6, Hasa 6,5, Damiani 6, Nonge 7 (93 Da Graca sv), Rouhi 6; Sekulov 6,5 (75' Mbangula 6), Guerra 6,5 (93' Salifou sv). A disp. Scaglia, Fuscaldo, Stramaccioni, L. Cerri, Mulazzi, Iocolano, Palumbo, Stivanello, Perotti, Anghelè, Bonetti, Da Graca. All. Brambilla 6,5

Arbitro: Michele Delrio di Reggio Emilia 6

Reti: 6' Sekulov (J), 91' Guerra (J), 97' Milani, 99' Mbangula (J)

Note: ammoniti Franchini, Brosco (P), Rouhi (J)

Espulsi: 100' Sasanelli (P) e Pedro Felipe (J)

Spettatori 4.923 per un incasso di euro 57.156

Osservato un minuto di raccoglimento per le vittime della tragedia di Casteldaccia

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pescara-Juventus Next Gen 1-3, eliminazione e rissa finale: cronaca, tabellino e voti

IlPescara è in caricamento