rotate-mobile
Calcio

Pescara "loca" per il suo bomber Ferrari: segna più di Immobile

L'attaccante italoargentino contro il Siena salito a quota 13 in classifica cannonieri: la media è di un gol ogni 114', superiore a quelle del goleador di Zemanlandia e di Mancuso

Segna più di Immobile e Mancuso. Un gol ogni 114 minuti giocati: Pescara è "loca" per Franco Ferrari, il capocannoniere biancazzurro, salito a quota 13 in classifica marcatori dopo la rete segnata domenica scorsa al Siena.

“El Loco” ha già eguagliato il suo record personale nei professionisti, firmati con la maglia della Pistoiese qualche anno fa (con Piacenza e Montecatini si era fermato a 12), e adesso mette il mirino il quattordicesimo centro, che renderebbe la stagione pescarese la migliore della sua carriera a livello realizzativo.

Il 26enne di Rosario (8 volte a segno davanti ai suoi tifosi, 5 in trasferta), però, vuole di più. In testa ha un chiodo fisso e farà di tutto per arrivarci: segnare 20 gol in una stagione e portare il Delfino in B, obiettivo raggiunto un anno fa con il Como (5 reti l'anno scorso con i lariani). Considerando che con il Pescara lo attendono ancora otto giornate di campionato e poi i play-off, l’obiettivo diventa alla portata dell’italoargentino, arrivato a 64 gol in carriera, comprendendo anche quelli segnati in serie D, negli anni della gavetta.

La media del numero 9 biancazzurro al momento è davvero alta e sfiora quella di alcuni predecessori davvero illustri, oltre che amatissimi dalla piazza. Basti pensare che un certo Ciro Immobile, con il Pescara di Zeman promosso in A, segnava un gol ogni 107 minuti (totale di 28 centri in 3007’ giocati), una media non lontanissima dai 114’ di Ferrari.

Addirittura, un idolo dell’Adriatico come Gianluca Lapadula, nel torneo 2015/2016 culminato con la promozione in A ai play-off, nella regular season ha segnato un gol ogni 131 minuti (27 in 40 partite).

E l’ultimo grande bomber passato da Pescara prima di Ferrari, Leonardo Mancuso, nella B 2018/2019, terminata con una semifinale play-off, ha chiuso la stagione con la media di un gol ogni 158 minuti (19 in 35 partite, 3006’ totali).


I numeri di Ferrari, quindi, sono di assoluto spessore e portano il bomber di Auteri, di proprietà del Napoli, già a pieno titolo nella storia del club. Lo sa bene la società, che in attesa di novità sul suo futuro pensa ugualmente al futuro: Ferrari verrebbe riscattato in caso di promozione in B a fine stagione, ma il presidente Sebastiani e il ds Matteassi hanno in mente di incontrare il Napoli la prossima estate e chiedere in qualsiasi caso il cartellino dell’attaccante, che ad agosto compirà 27 anni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pescara "loca" per il suo bomber Ferrari: segna più di Immobile

IlPescara è in caricamento