rotate-mobile
Calcio

Pescara - Cesena 1-0: partita, tabellino e voti

Basta un gol di Drudi nel primo tempo per riaprire la corsa al terzo posto. Il Delfino crea tantissime occasioni, ma non riesce a chiuderla prima del 95'

Il Pescara vince con il minimo scarto lo scontro diretto con il Cesena (1-0) e riapre i giochi per il terzo posto. Grande prova biancazzurra, la migliore dall'inizio della stagione. E festa finale sotto la curva nord. Decide l'ex Drudi nel primo tempo.

Si gioca solo nella metà campo ospite, ma la punizione mancina di Pompetti avvitata sul primo palo sfiora l’esterno della rete. Al 24’ primo spunto del Loco: si gira su Gonnelli e calcia con il sinistro dal cuore dell’area, ma non trova la porta. Il gol è nell’aria ormai all’Adriatico: al 29’ il Delfino trova il meritato vantaggio. Da un angolo nasce una mischia nell’area piccola, la risolve Drudi a due passi dall’angolino: rasoterra che infila Nardi, gol dell’ex del difensore cesenate doc.

Del Cesena nessuna traccia, neanche dopo il gol subito. Al 42’ Pompetti incanta dalla sua metà campo: palla verticale per D’Ursi che entra in area e calcia sul palo lontano, Ferrari non aggancia in scivolata. L’argentino si arrabbia con il compagno per non essere stato servito nonostante l’ottima posizione per colpire. Prima dell’intervallo, ennesimo giallo arbitrale: Ferrari a terra, probabilmente dentro l’area, Pontisso calcia e segna. Ma il direttore di gara Fiero fischia calcio di punizione dal limite, il gol non è regolare. Proteste vane dei biancazzurri.

Lo spartito non cambia al rientro dagli spogliatoi. Il Pescara continua a giocare e il Cesena non fa nulla per non farsi schiacciare davanti alla propria area. Auteri però si sbraccia in panchina per chiedere ai suoi maggiore cinismo negli ultimi metri. Il Delfino meriterebbe un vantaggio più largo dopo un’ora di dominio totale in mezzo al campo. Ma quando si affaccia nell’area avversaria o è troppo leggero o troppo impreciso nelle scelte finali. Viali ringrazia, i suoi sono ancora vivi e preparano gli ultimi assalti.

Clamoroso dopo un quarto d’ora il gol mangiato dai biancazzurri. Cross di Zappella da destra, Pontisso sul lato opposto di testa mette al centro un pallone che andrebbe solo appoggiato in porta, ma Ferrari e Clemenza vanno a vuoto a un metro dalla porta.

Il monologo pescarese prosegue e anche la collezione di gol mancati. Al 23’ Frascatore sbuca in area sul suggerimento di Ferrari, ma il piattone del terzino romano viene parato da Nardi, ben piazzato. Mai visto un Pescara così produttivo in attacco e dominante dal 1’ senza pause. Ma il gol del ko non arriva e nei minuti finali il Cesena raccoglie le energie, approfittando anche della girandola dei cambi, e prova a impensierire il Delfino, chiudendolo fino al 5’ di recupero. Sorrentino si prende qualche spavento, ma il fortino regge. Ora il terzo posto è lontano due punti.

Il tabellino

MARCATORI Drudi (P) al 29’ p.t.

PESCARA (4-3-3) Sorrentino 6; Zappella 6, Drudi 6,5, Ingrosso 6, Frascatore 6,5 (dal 41’ s.t. Ierardi s.v.); Pompetti 6,5, De Risio 6,5, Pontisso 7 (dal 29’ s.t. Nzita s.v.); Clemenza 6,5 (dal 37’ s.t. Clemenza s.v.), Ferrari 6,5 (dal 37’ s.t. Cernigoi ), D’Ursi 6,5 (dal 29’ s.t. Rauti s.v.) (Iacobucci, Di Gennaro, Illanes, Cancellotti, Blanuta, Chiarella, Delle Monache). All. Auteri 6,5

CESENA (4-3-1-2) Nardi 5,5; Candela 5,5, Ciofi 5,5, Gonnelli 5,5, Favale 6; Ardizzone 5,5 (dal 35’ s.t. Frieser s.v.), Steffè 5,5 (dal 26’ s.t. Berti ), Ilari 5 (dal 10’ s.t. Brambilla 6); Caturano 5 (dal 10’ s.t. Tonin 5), Pierini 5 (dal 26’ s.t. Pittarello s.v.); Bortolussi 5,5 (Benedettini, Bizzini, Pollini, Allievi, Maddaloni, Pogliano). All. Viali 5

ARBITRO Fiero di Pistoia 5,5

NOTE paganti 2.588, incasso di 15.365 euro (non ci sono abbonati). Ammoniti Nzita (P). Angoli 7-2. Recuperi 5’ s.t.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pescara - Cesena 1-0: partita, tabellino e voti

IlPescara è in caricamento