Martedì, 26 Ottobre 2021
Calcio

Pescara-Catania 2-1: Togni indovina la punizione vincente e stende gli etnei all'ultimo respiro

Il Pescara fa suo il match con il Catania e aspetta le vacanze di Natale con più fiducia. A decidere la gara una punizione al 95' di Romulo Eugenio Togni. Nel primo tempo le squadre erano andate a segno con Celik e Barrientos

Il Pescara fa suo il match con il Catania e aspetta le vacanze di Natale con più fiducia. A decidere la gara una punizione al 95' di Romulo Eugenio Togni, diventato con Bergodi in panchina elemento insostituibile della mediana biancoazzurra. Tre punti che consentono al Pescara di salire a quota 17 e di lasciarsi alle spalle Palermo, Cagliari e Torino. Per il Catania di Maran un passo falso che, oltre a lasciare l'amaro in bocca per le tante occasioni sciupate, impedisce agli etnei di scavalcare il Milan al settimo posto in classifica.

IL MATCH La prima palla gol della gara è del Catania, con Gomez che col sinistro non sfrutta un bell'assist di Barrientos. Al 10' è Castro, dopo un errore clamoroso di Terlizzi, a sfiorare il vantaggio per gli ospiti, ma il destro in diagonale dell'argentino si va a stampare sul palo alla destra di Perin. Al 23', abbastanza inaspettatamente, il Pescara passa grazie al secondo gol in campionato di Mervan Celik. Il numero 10 biancazzurro sfrutta al meglio un perfetto assist di Weiss e di prima intenzione, con un preciso piatto destro, batte Andujar. Al 31' Bjarnason si libera al limite dell'area ma il suo destro termina lontanissimo dalla porta etnea. Al 35' arriva il pari del Catania con Barrientos che con un gran sinistro, preciso e potente, sfrutta un assist di Izco e batte Perin. Ad inizio ripresa, al 52', Celik sfiora la doppietta personale con un gran destro dalla distanza dopo un bello scambio in velocità con Bjarnason. La partita scivola poi via in parità, con occasioni ed errori da ambo le parti, fino al 95', quando Togni, all'ultimo respiro, indovina la punizione che vale i tre mandando in visibilio tutto l'Adriatico. Per il brasiliano, che con Stroppa in panchina non aveva mai visto il campo, è il primo gol in serie A.

TABELLINO

Pescara (4-3-1-2):  Perin; Balzano, Capuano, Terlizzi, Modesto (68' Zanon); Nielsen, Togni, Bjarnason; Weiss (79' Caprari), Abbruscato, Celik. Allenatore: Cristiano Bergodi.

Catania (4-3-3):  Andujar; Alvarez (42' Bellusci), Legrottaglie, Spolli, Marchese; Izco, Lodi, Almiron; Castro, Gomez (76' Morimoto), Barrientos. Allenatore: Rolando Maran.
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pescara-Catania 2-1: Togni indovina la punizione vincente e stende gli etnei all'ultimo respiro

IlPescara è in caricamento