rotate-mobile
Lunedì, 2 Ottobre 2023
Calcio

"Sarà ancora un Pescara competitivo grazie a Sebastiani e Zeman"

L'ex responsabile marketing del Delfino, Fabio De Vincentiis, oggi imprenditore nell'abbigliamento sportivo: "Il presidente un esempio per tanti suoi colleghi. Sono certo che ci riporterà in B"

"Sarà ancora un Pescara competitivo. Sebastiani ci riporterà in serie B". Parole di Fabio De Vincentiis, fino al 2010 era responsabile marketing del Delfino: ha chiuso con la promozione in serie B di Eusebio Di Francesco la sua prima vita calcistica. “Sono e sarò sempre tifoso: ho il biancazzurro nel cuore. Ci sono rimasto male per l’eliminazione ai play-off contro il Foggia. Quel cambio di Delio Rossi negli ultimi secondi ha cambiato la partita. Poi i rigori sono una lotteria, ma tutti li hanno battuti allo stesso modo e quasi tutti sono stati sbagliati. Un peccato. Ora bisogna guardare al futuro e mettere da parte la delusione, la società si sta già muovendo bene. Il presidente sta facendo lavorare bene il ds Delli Carri, che a breve annuncerà qualche arrivo importante. Un segnale forte che dimostra come il club voglia fare bene”, dice De Vincentiis, che è stato anche editore, presidente (a Francavilla in Eccellenza, a Lanciano dalla Prima categoria all’Eccellenza) e oggi imprenditore nel mondo dell’abbigliamento sportivo con il marchio Bedavis.
Da imprenditore, è sempre vicino alle vicende del presidente Sebastiani, che da tempo cerca forze fresche per alzare l’asticella: “Le porte da parte sua sono sempre state aperte, ma non si è mai vista una persona che in concreto abbia voluto prendere una quota o l’intera società. Dispiace che nessuno abbia voglia di fare calcio come ce l’ha lui da tanti anni. Eppure, da solo, gestisce il club in modo perfetto, passa tutte le verifiche e continua a garantirci calcio ad alti livelli. Altre società vengono bocciate o escluse dai professionisti. Chapeau al presidente, che ormai è un super esperto di questo calcio professionistico, in tutte le categorie. Ha fatto la A, la B per tanti anni e ora farà la terza stagione in C. E’ un esempio per i suoi colleghi”.
Sebastiani riporterà il Pescara in serie B? “Appena inizierà il campionato capiremo quali saranno le ambizioni reali, ci vorranno almeno cinque, sei giornate di per capire. Ma Sebastiani era praticamente ad un passo dall’obiettivo quest’anno, solo i rigori ci hanno negato la finalissima e la chance di risalire. Il presidente deve vincere la C, la piazza e la società lo meritano. Siamo una piazza che attira ancora giocatori di categoria superiore, come Rafia a gennaio. Abbiamo un appeal importante, l’Adriatico trasmette emozioni. Non siamo da C e dobbiamo tornare in alto, questa società ci riuscirà”.
Con Zeman ancora in panchina: “Sono molto legato al mister, al di là dei risultati raggiunti in passato. E’ un maestro di calcio e veder giocare la sua squadra, che l’anno prossimo sarà fatta a sua immagine e somiglianza, è un piacere per noi tifosi. Se poi riuscisse a farci vincere di nuovo, sarebbe pazzesco. Ma vincere è difficile, soprattutto nel prossimo girone C, con Benevento, Catania, Crotone e altre grandi del sud”.
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Sarà ancora un Pescara competitivo grazie a Sebastiani e Zeman"

IlPescara è in caricamento