Giovedì, 16 Settembre 2021
Calcio

Pescara Brescia 1-1: non basta un Adriatico record

Al Pescara non basta un Adriatico da record, 18590 le presenze sugli spalti, per avere la meglio del Brescia. Lombardi in vantaggio al 3' con Piovaccari e pari di Immobile al 20'. Il Pescara ora è secondo ad un punto dal Torino

Davanti ad un Adriatico da record,18590 presenze sugli spalti, il Pescara di Zeman non riesce a spuntarla sul Brescia di Calori. Con il solo punto incassato i biancazzurri sono ora a quota 62, a una sola lunghezza dal Torino capolista. Zeman senza smentire le anticipazioni si affida ai soliti noti, preferendo, accanto agli inamovibili Cascione e Verratti, il danese Nielsen in mediana al posto di Kone e affidando le sorti offensive al tridente delle meraviglie formato da Sansovini, Immobile e Insigne. Calori, tra lo stupore anche dei cronisti bresciani presenti all'Adriatico, lancia di punta il solo Piovaccari supportato alle spalle dal talentino El Kaddouri.

IL MATCH Pronti via e il Brescia passa subito in vantaggio.

Al 3' El Kaddouri verticalizza per Priovaccari, con la solita difesa altissima degli uomini di Zeman, e il numero 9 delle "rondinelle", dopo aver saltato Capuano batte con il sinistro Anania. Il Pescara subito il gol non si scompone e incomincia a deliziare il pubblico dell'Adriatico creando occasioni su occasioni.

Al 12' Cascione da due passi non riesce a trovare la porta con il destro, mentre quattro minuti dopo è Immobile a far saltare dai seggiolini i 18mila dell'Adriatico. Il bomber biancazzurro sale in cielo sugli sviluppi di un cornere, ma il suo colpo di testa viene salvato sulla linea da Salamon. Al 17' la palla buona capita suio piedi Nielsen, ma il suo piattone a botta sicura viene respinto dal corpo di De Maio. Il gol del Pescara è nell'aria e, al minuto 20, puntualmente arriva. Immobile sfrutta un grande assist di Verratti e con un secco destro a girare, dal versante sinistro dell'area avversaria, batte imparabilmente Arcari.

Agguantato il pari il Pescara continua a premere ma è il Brescia ad avere l'occasione buona. Al 24' il pessimo arbitro Massa di Imperia decreta un calcio di rigore in favore dei lombardi per una presunta trattenuta in area ai danni di De Maio. Dal dischetto El Kaddouri colpisce il palo facendo esplodere di gioia il popolo biancazzurro.

Al 37' dopo una serpentina da autentico fuoriclasse Insigne prova il destro a giro da fuori area, ma la palla termina alta sopra l'incrocio dei pali di Arcari. Nella seconda frazione di gioco il Brescia rientra in campo molto meglio dei biancazzurri adriatici e costruisce subito diverse occasioni da rete.

Al 48' è El Kaddouri ad avere la palla buona, ma a porta sguarnita calcia alto con il sinistro. Al 50' è Piovaccari, lanciato in contropiede, a sfiorare il gol con un potente destro che sorvola l'incrocio dei pali. Al 55' si rivede il Pescara in avanti, bella palla di Immobile per Sansovini che, in corsa, da posizione centrale, con il suo solito sinistro a giro, pietrifica Arcari ma la palla termina di poco a lato dal palo di destra. La partita comincia a salire di tono dal punto di vista agonistico e fioccano i cartellini gialli da una parte e dall'altra.

La girandola di cambi non sortiesce effetti, da una parte come dall'altra, e nel finale c'è tempo solo per l'espulsione di Verratti per doppia ammonizione. 

LA SVOLTA DEL MATCH Il Pescara gioca un gran primo tempo ma non va oltre il gol del solito Immobile, nella ripresa il Brescia, ottimamente messo in campo da Calori, alza il prorpio baricentro soffocando il Pescara nella propria metà campo.

TABELLINO

Pescara (4-3-3) : Anania; Zanon, Romagnoli, Capuano, Balzano; Nielsen (86' Kone), Verratti, Cascione; Sansovini (80' Soddimo), Immobile, Insigne. Allenatore: Zeman
Brescia (3-5-1-1) : Arcari; Martinez, De Maio, Caldirola; Zambelli, Martina Rini, Salomon, Vass (79' Rossi), Daprelà; El Kaddouri; Piovaccari (71' Feczesin). Allenatore: Calori

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pescara Brescia 1-1: non basta un Adriatico record

IlPescara è in caricamento