Calcio

"I laziali non sono come gli zingari di Pescara": fa discutere un volantino degli Irriducibili

Domenica scorsa i supporters biancocelesti hanno distribuito in Curva Nord un decalogo nel quale dettano norme di comportamento e di stile insultando i tifosi del Delfino, nonchè quelli dell'Atalanta, del Brescia e - naturalmente - della Roma

Tra i tifosi del Pescara e quelli della Lazio, si sa, non è mai corso buon sangue. Ora si è verificato un altro episodio che è destinato sicuramente a far discutere. Gli Irriducibili, storico gruppo organizzato biancoceleste, hanno diffuso un volantino in cui, con tanto di disegnini, spiegano ai frequentatori della Curva Nord cosa vuol dire essere laziali. Un decalogo vero e proprio che investe le norme d'abbigliamento e che parte da un assunto: noi siamo diversi dagli altri. 

"I laziali - si legge su un volantino distribuito domenica scorsa - si sono sempre contraddistinti per la mentalità e anche per il proprio stile: diversi dai capelloni di Bergamo e Brescia, dagli zingari di Pescara, dalla colorita decadenza dei nostri cugini, dal jeans altezza caviglia di altri stadi. Per una vita abbiamo preso in giro tutto questo. Noi intanto insegnavamo norme di comportamento e di stile. E siamo stati copiati nel modo di tifare, di agire e anche di vestire". 

La premessa è importante per evidenziare il problema: "Oggi anche nella nostra curva cominciano ad affaciarsi personaggi figli dei tempi in cui viviamo e di un declino sempre più visibile nella nostra città. Pochi elementi, certo, ma che anni fa non avrebbero potuto mettere piede nemmeno in sessantesima fila. Per questo motivo torniamo a ricordare chi siamo e che lo stile esteriore è stato sempre specchio di ciò che rappresentiamo. Torniamo a ricordare la storia pesante che portiamo sulle spalle e l'eredità che ci è stata data in dote". 

In pratica gli Irriducibili ricordano che loro sono sempre stati un esempio di stile, a differenza degli odiati tifosi del Pescara così come di quelli dell'Atalanta, del Brescia e, naturalmente, della Roma. Sarà, ma dare degli "zingari" in maniera indiscriminata a tutti i nostri concittadini non ci sembra proprio elegantissimo...

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"I laziali non sono come gli zingari di Pescara": fa discutere un volantino degli Irriducibili

IlPescara è in caricamento