rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Calcio

Il Delfino Curi Pescara-L'Aquila 1-1, punto d'oro firmato Massa

I giovani di Bonati fermano anche la corazzata del campionato e continuano a viaggiare imbattuti in campionato. Alla squadra di Giampaolo non basta il vantaggio di Peijc

Il gol di Massa spegne i sogni dell'Aquila. I pescaresi continuano il loro avvio da sogno: sesto posto con 13 punti e imbattibilità mantenuta anche contro la corazzata del capoluogo.
Bonati lancia giovani under con tanta fame e tanto cuore: così il pareggio ha il sapore di una vittoria e di quelle giornate da raccontare ai posteri.
Ma riavvolgiamo i nastri, L'Aquila con un 4-3-3 con Acosta sostenuto da Di Ruocco e D'Ercole, Bonati risponde con un 3-5-2, Massa e Di Giovacchino davanti. La squadra del capoluogo parte subito forte, ma la prima occasione è portuale con Falco che si districa sulla destra, serve al centro Massa. Destro sbilenco. Poi si accende la stella di Pejic, al decimo tiro centrale. Poi al dodicesimo grande scambio con Acosta, tiro al volo dal limite. Gioiellino da vedere e rivedere per l'1-0 aquilano. Ancora il bosniaco alla mezz'ora, sinistro secco, miracolo di Calore che si rifugia in corner. Dagli sviluppi, Palumbo da due passi, ancora super il n.1.
Il Delfino risponde, Di Giovacchino si libera in area, destro dritto per dritto che si stampa sul palo! Poi Gobbo non riesce a concludere, ma i pescaresi sono vivi come vedremo nella ripresa. Al primo del secondo tempo ci prova subito Gobbo, Bozzi allunga in corner.
Al quarto d'ora occasionissima per gli uomini di Giampaolo, punizione tagliata di D'Ercole, prima Bedin e poi Tankulijc non riescono a correggere a rete.
Le occasioni sono tante, il divertimento alle stelle, al 21' Bedin raccoglie lo spiovente di Tankulijc, palla sull'esterno della rete.
Al 78' cambiano gli equilibri della gara, Marzucco se ne va sulla sinistra, cross al bacio per Massa, terzo tempo e colpo di testa per l'1-1!
Nel finale, miracolo di Calore sulla puntina di Ranieri da pochi passi, poi sul corner seguente gioco aereo di Carbonelli, Paolilli ribatte sulla linea.
Termina con il pareggio d'oro in casa Il Delfino Curi Pescara, L'Aquila torna a casa con tanta delusione e tra le proteste dei numerosissimi tifosi giunti a Città Sant'Angelo.

Il tabellino

IL DELFINO CURI PESCARA: Calore, Sabatini (6'st Polletta), Paolilli, Di Giovacchino, Gobbo Carrer (43'st Giannini), Lupo (30'st Di Stefano), Cozzi, Falco (30'st Demurtas), Marzucco, Tamborriello, Massa. A disp. Santoro, Starnieri, Palmisano, Palmaricciotti. All. Bonati. 

L'AQUILA 1927: Bozzi, D'Ercole (43'st Ravanelli), Bedin, Palumbo (22'st Carbonelli), Acosta (19'st Ranieri), Scognamiglio, Tempestilli, Pierreton, Pejic, Di Ruocco (1'st Tankuljic), Brunetti (1'st Ponzi). A disp. Falzano, Simoni, Di Norcia, Basile.

ARBITRO: Giacomo Ravara (sez. Valdarno) (Mongelli-La Torre, Chieti).

Reti 12'pt Pejic, 33'st Massa.

Note: ammoniti Palumbo, Sabatini, Ponzi, Tankulijc, Pejic, Massa, Scognamiglio; recupero 2'pt. Spettatori circa 350.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Delfino Curi Pescara-L'Aquila 1-1, punto d'oro firmato Massa

IlPescara è in caricamento