Stroppa (che non andava bene per il Pescara) riporta il Crotone in Serie A

Non ancora maturo come tecnico ai tempi della sua esperienza in riva all'Adriatico, l'ex giocatore di Foggia e Milan ha dimostrato di essere adesso pronto a fare il suo ingresso nel calcio che conta

Giovanni Stroppa nel giorno della sua presentazione a Pescara

Ha conquistato meritatamente la Serie A, facendo così l'ingresso nel calcio che conta. Giovanni Stroppa è (e resterà ancora per molti anni) uno dei grandi rimpianti del Pescara. E, tutto sommato, neanche per causa sua. In realtà, come si suol dire in questi casi, la colpa non è di nessuno.

Più semplicemente, l'ex giocatore di Foggia e Milan si è trovato nel posto sbagliato al momento sbagliato, in quanto nel 2012 - ormai una vita fa, calcisticamente parlando - non era ancora pronto per fare il grande salto nel massimo campionato.

Arrivò alla guida del Delfino in sostituzione di un gigante come Zeman, che in riva all'Adriatico aveva compiuto un autentico miracolo, e gli fu chiesto di mantenere la categoria. Ci stava anche riuscendo, per certi versi, in quanto la media punti di quella squadra era stata, inizialmente, tutt'altro che negativa. Ma a Pescara, se non giochi convincendo, il pubblico difficilmente ti apprezza.

E questo elemento, unito alla scarsa esperienza di Giovannino (che proveniva dal Südtirol e, dunque, aveva ancora un bel po' di strada da percorrere), alla fine gli costarono il posto. Tra l'altro fu lui, con encomiabile dignità, ad andarsene, rassegnando le dimissioni. Da allora ha incrociato più volte il Pescara, alla guida dello Spezia, sulla panchina del Foggia e al timone del Crotone.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma con quest'ultimo club è riuscito addirittura ad agguantare la Serie A, dimostrando di essere ormai maturo come tecnico. E allora in bocca al lupo, mister. Con un pizzico di rammarico per ciò che avrebbe potuto essere e non è stato. A maggior ragione adesso che i biancazzurri annaspano in classifica.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Che paura la Pantafica! Storia della spaventosa leggenda abruzzese

  • Morto l'ex arbitro di calcio Stefano Pitocco, aveva 44 anni: Loreto Aprutino e Aia-Pescara in lutto

  • Uomo trovato morto nella sua camera dalla madre, tragedia nel Pescarese

  • Chiarita la causa del decesso dell'uomo trovato in una pozza di sangue nella sua camera dalla madre

  • Morto l'uomo di Città Sant'Angelo colto da un infarto mentre correva con la moglie

  • È morto Antonello Luzi, volto noto delle tv private pescaresi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPescara è in caricamento