rotate-mobile
Sabato, 27 Novembre 2021
Calcio

"Il Delfino Curi Pescara realtà sempre più integrata con la città"

Intervista a Claudio Croce, socio del nuovo club nato in estate ed ex dirigente di Pescara, Ascoli, Foggia e Angolana: "Ci teniamo tantissimo a far identificare la società con il tessuto cittadino. Vogliamo trasmettere ai ragazzi qualcosa anche fuori dal campo"

Tre mesi di Delfino Curi Pescara: la nuova realtà calcistica della città dannunziana, partita lo scorso settembre dall’unione del Mondo Curi con il Delfino, si consolida a tutti i livelli ed entra sempre più nel tessuto sportivo e sociale cittadino. Guardando sempre alla crescita sportiva e umana dei suoi giovani calciatori.

Claudio Croce, avvocato, consigliere comunale e soprattutto ex responsabile marketing nel calcio professionistico con Pescara, Ascoli e Foggia, e direttore generale in serie D con l’Angolana, è uno dei soci fondatori della Curi, oggi Il Delfino Curi Pescara.

“Un bilancio? Positivo, sicuramente – dice Croce – . Le due società venivano da situazioni difficili, dovute al Covid e alla logistica. I primi mesi della fusione sono stati positivi perché la nuova società, oltre alla prima squadra che milita in Eccellenza, vanta tutte le categorie, dall’Under 19 ai primi calcio. E questo ci fa ben sperare. Ci stiamo amalgamando bene: ho trovato in tutti i tecnici e dirigenti la voglia di fare calcio con i ragazzi nel rispetto di regole e valori, per farli crescere senza altri scopi particolari. L’obiettivo è comune per tutti, quest’unione è stata positiva e abbiamo incontrato meno ostacoli di quelli che potevamo immaginare all’inizio di questa avventura”.

Dai suoi primi passi, la società si è mossa anche a livello sociale: donazione alla Pineta dopo l’incendio della scorsa estate, partnership con la Fidas, altre iniziative sociali in cantiere a favore della città e delle sue associazioni. “E’ una delle cose che mi fa più piacere – prosegue Croce – . Noi ci siamo sempre sentiti di Pescara, ci teniamo tantissimo a far identificare la società con la città. Fare iniziative extra calcistiche in ambito sociale ci inorgoglisce: è la nostra idea di sport. Vogliamo trasmettere ai ragazzi qualcosa anche fuori dal campo. A dicembre ci saranno altre iniziative, a partire dalla Camminata di Babbo Natale, in collaborazione con i Runners Pescara, a favore di Fidas e Liberamente. Vogliamo sensibilizzare i nostri ragazzi e sentirci integrati con il tessuto cittadino”.

Sul piano sportivo, come sta proseguendo il lavoro di “fusione” delle due realtà? “Siamo contenti perché i gruppi sono tutti formati da ragazzi bravi e disciplinati. A livello calcistico e di risultati sarà un’annata di grossa difficoltà perché unire i gruppi non è stato facile. Abbiamo anche perso tanti ragazzi, non solo noi, che hanno smesso di fare sport dopo il Covid. Questo ha indebolito tutte le realtà, anche la nostra. Con i gruppi in età stiamo facendo bene, ma stiamo soffrendo un po’. A dicembre faremo qualche movimento interno e miglioreremo le squadre che lottano per il vertice. Le squadre sotto età vanno benissimo, siamo molto contenti di quello che fanno: l’anno prossimo raccoglieranno i frutti di questa stagione”.

La prima squadra in Eccellenza resta un importante sbocco per la visibilità e le ambizioni dei ragazzi: “Avere la prima squadra in una categoria così importante è fondamentale. E’ uno stimolo per i più giovani, dà una possibilità ai nostri ragazzi di arrivare a giocare in una categoria importante. E’ importantissimo per noi mantenere la categoria. A Pescara, oggi, siamo la società calcistica più importante: Eccellenza e oltre quattrocento tesserati nelle varie categorie”.

L’avvocato Croce lancia anche una proposta ai vertici del calcio regionale abruzzese e non solo: “Per il bene dei settori giovanili, ritengo che allo stato attuale, il tesseramento annuale dei ragazzi non è più un bene, per la loro crescita e per la crescita del movimento. Le società che investono nei settori giovanili, alla fine di ogni stagione, si ritrovano con zero tesserati. Perché i ragazzi spesso vanno via, vengono attratti da altre società o addirittura illusi da tecnici che se li portano da una squadra all’altra manco fossero oggetti. Questo non aiuta la crescita dei vivai. E quest’anno il livello è sceso molto nei campionati giovanili, a detta di tutti gli addetti ai lavori. Bisogna cominciare a pensare ad un tesseramento pluriennale, stile calcio professionistico: almeno un vincolo di quattro anni, dai tredici alla fine della categoria Under 17. Dall’Under 19 in poi possono andar bene anche le regole attualmente in vigore”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Il Delfino Curi Pescara realtà sempre più integrata con la città"

IlPescara è in caricamento