rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Calcio

Il Delfino Curi Pescara nella tana della capolista Avezzano

Domani ultima di andata in Eccellenza, dopo due ko i pescaresi cercano punti contro la corazzata marsicana. L'ex di turno Matteo Pizii: "Al Dei Marsi saluterò tutti a testa alta e con grande affetto, ma non sarà lo stesso per tutti... Nel girone di ritorno possiamo fare molto bene, sia nella crescita dei ragazzi che dal punto di vista fisico, mentale e della personalità"

Uno scontro proibitivo per l'ultima giornata del girone di andata, vede Il Delfino Curi Pescara fare visita alla battistrada Avezzano, domani alle 14:30. I biancoverdi, in casa hanno totalizzato 20 punti su 40 totali, frutto di 6 vittorie e due pareggi. Ma il dato più impressionante lo troviamo nella casellina gol fatti: ben 50, 32 per la coppia d'attacco Pendenza-Dos Santos. Un biglietto da visita che sicuramente farà dormire a fatica lo staff pescarese, che dalla sua parte, però, potrà contare sull'entusiasmo, voglia di tornare a fare punti dopo i due KO consecutivi - seppur immeritati -, spensieratezza e freschezza di un gruppo squadra giovane e imprevedibile. 
"Per quanto riguarda il girone d'andata, vedo il bicchiere pezzo pieno - ha dichiarato il collaboratore tecnico, Matteo Pizii, uno degli ex del match. Abbiamo 20 punti e non era scontato a inizio stagione con tutte le problematiche (una squadra molto giovane con budget molto ridotto rispetto ad altre). Sicuramente abbiamo avuto un inizio migliore rispetto al proseguo, però c'è anche da dire che non ho mai visto questa squadra soccombere contro nessuno, anzi ce la siamo giocati alla grande con tutti. È una squadra che ha perso solo 4 partite di cui una al 92' con il Sambuceto. Alcune delle 8 gare che abbiamo pareggiato, con un po' di scaltrezza ed esperienza avremmo potuto portarla a casa e parlare di tutt'altra classifica. Ma soltanto per il numero di punti perché le prestazioni le abbiamo sempre fatte. Sono convinto che nel girone di ritorno questa squadra potrà fare molto bene, sia nella crescita dei ragazzi dal punto di vista fisico, mentale, personalità, sia perché ho trovato uno staff di gente super competente, che conoscevo. Fatto di gente che esalta i ragazzi sia a livello umano che calcistico, con i prof Chiacchiaretta e Mastropietro, i mister Bonati e Spinozzi. Uno staff da Serie A dove si lavora in modo professionistico".
Sulla gara di domani: "Domani andremo ad affrontare una corazzata, che non sta prima per caso ed ha giocatori di categoria superiore. Sono forti ed esperti in ogni reparto, Zanon, Bisegna, Dos Santos, Pendenza. Non dimentico, avendo allenato la squadra, che hanno uno dei fuoriquota più forti del campionato, Walter Braghini che con l'Eccellenza c'entra poco. Sappiamo delle loro forze, abbiamo studiato i loro punti deboli e quindi con le nostre qualità penso potremmo fare una bella partita e chissà, forse anche un'impresa". 
Lo scontro con il recente passato e qualche sassolino da togliere dalla scarpa: "Sono stato 4 mesi ad Avezzano lo scorso anno, ho lasciato bei rapporti con quasi tutti, il calcio è come la vita, quindi quello che dai ricevi. È normale che saluterò con un po' di fatica alcuni che non si sono comportati nel migliore dei modi con me, parlo soprattutto a livello umano. Perché nel calcio può finire in tutti i modi, ma non va intaccato il lato umano. Mi sono trovato bene nonostante tante difficoltà, la scelta calcistica va accettata anche se non condivisa, ma il lato umano viene prima di tutto. Quindi domani saluterò tutti a testa alta, con grande affetto ma non con lo stesso per tutti". 
I precedenti: due pareggi nell'ultima stagione tra le due compagini, 1-1 ad Avezzano con la rete pescarese firmata da Tine Mori, 0-0 al S.Marco. Fischio d'inizio, domani alle 14:30 al "Dei Marsi" di Avezzano, arbitra Giallorenzo di Sulmona.
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Delfino Curi Pescara nella tana della capolista Avezzano

IlPescara è in caricamento