rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Calcio

Il Delfino Curi Pescara si mobilita per l'Ucraina

Ieri squadra in campo con i colori della nazionale ucraina, dopo la partita tutti a messa da Don Dimitri. Il dirigente pescarese Claudio Croce: "Vogliamo dare il nostro contributo"

Squadra in campo con una divisa con i colori dell’Ucraina, maglia gialla e pantaloncini azzurri, la bandiera del Paese invaso dalla Russia e quella della Pace portate in campo dai giocatori al fischio d’inizio. E l’impegno a partecipare alle varie raccolte in via di svolgimento in città per aiutare la popolazione ucraina con medicinali, indumenti, cibo e qualsiasi cosa possa essere utile in questi giorni critici a Kiev e nelle altre città. Il Delfino Curi Pescara si mobilita contro la guerra. Le iniziative della società sono iniziate ieri, in occasione della partita casalinga contro il Capistrello.

“Nell'ambito delle iniziative di solidarietà a favore dell'Ucraina e del popolo ucraino, abbiamo fatto giocare la prima squadra con i colori della loro Nazionale di calcio: maglia gialla, pantaloncini blu e calzettoni gialli”, spiega il socio fondatore della Curi, Claudio Croce.

Una partita che il Delfino Curi ha vinto sul campo, ma la grande vittoria è quella morale ottenuta assieme ai rivali del Capistrello, che hanno aderito all’iniziativa dei pescaresi: “Siamo entrati in campo con la bandiera della pace e con quella dell'Ucraina, insieme agli avversari – aggiunge Croce – . Abbiamo voluto dare un segnale di vicinanza nei confronti del popolo ucraino, ma faremo anche qualcosa di più concreto: ci stiamo muovendo per una raccolta di medicinali, indumenti e altro materiale. Ci sono tante iniziative in atto in città, e anche noi daremo il nostro contributo”.

Manifestare, agire e pregare, queste le tre azioni messe in campo dal Delfino Curi in un momento storico terribile: “In serata una delegazione della società è stata a messa da Don Dimitri, parroco ucraino della parrocchia della Visitazione della Beata Vergine Maria. Volevamo far sentire la nostra presenza a chi oggi soffre per questa guerra e prega affinché tutto finisca al più presto”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Delfino Curi Pescara si mobilita per l'Ucraina

IlPescara è in caricamento