rotate-mobile
Calcio

Il mondo del calcio piange Claudio Tobia, nato a Pescara: oltre 300 panchine tra i professionisti

Da giocatore era cresciuto in biancazzurro, giocando anche in C col Delfino

Il mondo del calcio piange la scomparsa di Claudio Tobia, deceduto oggi, 16 marzo 2024. Nato a Pescara nel 1943, da calciatore aveva iniziato la sua carriera proprio in biancazzurro. Centrocampista, nella stagione 1962-1963 ha giocato in Serie C; ha militato nella stessa categoria con la squadra abruzzese anche nella stagione 1964-1965. Poi esperienze in terza serie con L'Aquila e nei dilettanti a Chieti, Nocera Inferiore, Nardò e Palma Campania. Una volta appesi gli scarpini al chiodo, ha iniziato la carriera da allenatore che lo ha portato a collezionare 335 panchine nei campionati professionistici, con cinque promozioni all'attivo ed un breve trascorso in Serie A.

A Terni, Catanzaro e Reggio Calabria le tappe più importanti di una bella carriera. Nel 1981-82 era stata chiamato ad Avellino come secondo di Luis Vinicio. Qui Tobia ebbe occasione di esordire in Serie A, dove giunse a collezionare 9 panchine. Memorabile il 3-0 che gli irpini inflissero al Napoli nella prima gara di Tobia alla guida della squadra. 

Tanti i messaggi di cordoglio arrivati da parte di esponenti del mondo del calcio. Tra i primi il Catanzaro. Questa la nota: "L’US Catanzaro esprime profondo cordoglio per la morte di Claudio Tobia, tecnico che portò le Aquile in serie B nella stagione 1986/87. La società, con in testa il presidente Floriano Noto, si unisce al dolore della famiglia, degli amici e di tutti coloro che hanno avuto il privilegio di conoscerlo e lavorare con lui"

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il mondo del calcio piange Claudio Tobia, nato a Pescara: oltre 300 panchine tra i professionisti

IlPescara è in caricamento