rotate-mobile
Calcio

Preoccupa i tifosi il silenzio del Pescara: attesa per il nome del nuovo allenatore

È trascorso un mese dalla fine dello scorso campionato e tutto tace. Per adesso. Ma tra qualche ora potrebbe finalmente arrivare il nome dell'allenatore che guiderà i biancazzurri nella prossima stagione di serie C. Sarà Auteri?

Gli appassionati di calcio tifosi del Pescara sono senz'altro spaventati da questo silenzio della società biancazzurra, che appare immobile dalla fine del campionato risalente a circa un mese fa.

Ma questo silenzio potrebbe terminare tra poche ore, quando verrà annunciato il nome dell'allenatore che guiderà il "Delfino" bel prossimo torneo di serie C.

PROGRAMMAZIONE Bisogna tornare a fare calcio, grida a gran voce qualcuno, e i tifosi sono ormai stanchi di questa brutta piega legata non solo agli errori sul campo ma anche a quelli commessi dietro alla scrivania. Dopo una retrocessione così triste, non si può continuare a sbagliare, tenendo a mente che sono anni che la programmazione sembra latitare. O in ogni caso, le scelte fatte hanno portato a risultati scadenti. I nodi da sciogliere sono purtroppo diversi: allenatore, direttore e contratti onerosi di diversi calciatori che la società potrebbe portarsi addosso per i prossimi anni.

ALLENATORE Non si tratta di provare a indovinare il nome dell'allenatore, in una sorta di fanta-calciomercato che quando si parla del Pescara, spesso e volentieri ha portato a sbagliare clamorosamente. Ma siccome in queste ore l'allenatore che più è stato cercato - vale a dire Gaetano Auteri - sta rescindendo senza se e senza ma il contratto che ancora lo lega al Bari, tutto lascia pensare che sarà lui il nuovo condottiero biancazzurro. Auteri conosce bene Alessandro Bruno, il genero di Sebastiani, perché lo ha allenato nella Nocerina una decina di anni fa. Tra l'altro, insieme hanno ottenuto una storica promozione dei campani in serie B nella stagione 2010-11. Quindi tutte le strade portano a Auteri, che però è un tecnico considerato vincente in C, quindi anche costoso dal punto di vista dell'ingaggio, e con un carattere dalla personalità un po' particolare, che mal digerisce intromissioni nel suo lavoro. Solo questi ostacoli potrebbero tenerlo lontano da Pescara.

Perciò, restano aperte le altre ipotesi, già più volte indicate: Grassadonia, Padalino, Montero, senza escludere Iervese.

DIRETTORE In genere siamo abituati a vedere società di calcio che scelgono prima il direttore sportivo e poi di conseguenza l'allenatore. Il caso-Pescara è un po' diverso, perché a quanto pare la scelta del mister la sta curando in prima persona il presidente Sebastiani (magari ascoltando i pareri di qualche suo fedele consigliere, come sopra riportato per la valutazione di Auteri). Quindi si arriverà a ingaggiare anche un "diesse", che comunque potrebbe essere un uomo già presente in società. L'attuale responsabile del settore giovanile Giuseppe Geria è la figura più rispondente a ciò che cerca Sebastiani, i due si conoscono già da qualche anno con pregi e difetti di entrambi. Ma attenzione: Geria si è dedicato sempre al settore giovanile, per cui non è così scontato che conosca a menadito il mercato della serie C. 

In attesa dell'ufficializzazione, anche in questo caso restano in ballo le figure di Repetto e Bocchetti, oppure un nome che è circolato nelle ultime ore (ma già smentito), quello dell'ex attaccante Armando Ortoli. Fino a qualche giorno fa c'erano stati abboccamenti anche con l'ex direttore della Sambenedettese Pietro Fusco (che avrebbe portato Montero come allenatore), che in questo momento è più vicino alla Cavese.

Da aggiungere che altri nomi di candidati a questa posizione, erano stati portati da possibili nuovi soci del Pescara che avrebbero voluto o potuto affiancare Sebastiani. Al momento è tutto fermo sotto questo fronte. Ognuno di loro avrebbe fatto nomi di direttori e allenatori da far rientrare nel "pacchetto". E quindi ogni ipotesi è sfumata.

CALCIATORI Il capitano e portiere Fiorillo, Scognamiglio, Sorensen, Drudi, Nzita, Masciangelo, Busellato, Memushaj, Valdifiori, Galano. Sono loro i pezzi grossi con contratto anche per il prossimo anno (Fiorillo, Masciangelo, Memushaj e Nzita anche oltre), un fardello economicamente pesantissimo che il Pescara deve cercare di alleggerire. Gli unici che hanno un buon mercato sono Fiorillo e Masciangelo, il portiere ha addirittura la possibilità di scegliere visto che lo hanno cercato squadre importanti di B come il Lecce e la Reggina. Per gli altri, il mercato latita e quindi la società dovrà trovare presto una soluzione se non vorrà davvero restare bloccata in sede di trattative.

Insomma, questo apparente immobilismo è preoccupante, molte avversarie dei biancazzurri hanno già iniziato a lavorare da tempo e tra non molto ripartirà la nuova stagione, con i ritiri precampionato. Tra l'altro, tra le varie aree da ricostruire c'è quella medica, visto che stamattina lo Spezia (serie A) ha annunciato Vincenzo Salini e Michele Abate rispettivamente responsabile sanitario e medico sociale del team ligure. Salini e Abate erano nell'organico biancazzurro fino a pochi giorni fa.

Il Pescara è in ritardo e la realtà è sotto gli occhi di tutti. Qualcosa è atteso tra poche ore, sta per sciogliersi quantomeno il nodo-allenatore.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Preoccupa i tifosi il silenzio del Pescara: attesa per il nome del nuovo allenatore

IlPescara è in caricamento