rotate-mobile
Calcio

Benevento-Pescara, Legrottaglie denuncia: “13 biancazzurri influenzati, nessun tampone”

Parla il tecnico del Delfino: “Siamo arrivati a Benevento con le mascherine per dare anche un segnale e dire che il problema c’è e si sta forse anche sottovalutando. Abbiamo fatto il minimo che potevamo fare”

L'allenatore del Pescara, Nicola Legrottaglie, ha denunciato una cosa importante in merito alla partita tra Benevento e Pescara giocatasi ieri sera a porte chiuse al Vigorito:

“Abbiamo avuto 13 casi di influenza ma non ci hanno fatto fare i tamponi. Siamo arrivati a Benevento con le mascherine per dare anche un segnale e dire che il problema c’è e si sta forse anche sottovalutando. Abbiamo fatto il minimo che potevamo fare, la priorità è quella della vita”.

Il Pescara aveva inoltre fatto sapere:

"Preoccupati per la salute dei nostri giocatori e per quella degli avversari, siamo scesi in campo indossando le mascherine protettive. Queste verranno rimosse solo su invito dell'arbitro poiché non previste dal regolamento".

Già nelle scorse settimane Legrottaglie aveva detto che secondo lui il campionato dovrebbe essere sospeso:

"Se si fermasse il campionato per tre settimane, non si potrà più riprendere in modo normale. Se anche non ci fosse calcio per 3-4 mesi non succederebbe nulla, chi ama la vita sarà d'accordo. Anzi, avremo la possibilità di curarci e aiutare chi ha bisogno". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Benevento-Pescara, Legrottaglie denuncia: “13 biancazzurri influenzati, nessun tampone”

IlPescara è in caricamento