rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Calcio

Siena-Pescara 1-1, un punto e tanti rimpianti

Biancazzurri sotto di un gol all'intervallo nonostante la superiorità numerica. Nella ripresa pareggia subito il solito Ferrari (5° gol), poi il Delfino ci prova con quattro punte ma non sfonda

Il Pescara non va oltre il pari al Franchi. Un punto che è poca roba rispetto alle esigenze attuali del Delfino, sempre più lontano dalle prime posizioni se lunedì sera la Reggiana dovesse fare il colpo a Pontedera nel posticipo. Intanto scatta avanti anche il Cesena, travolgente a Teramo (0-4). Auteri, che ha scelto un inedito 3-5-2, può essere contento solo delle prove dei giovani pescaresi Pompetti e Veroli (2003), quest'ultimo al debutto in serie C.

Il primo tempo si chiude con il gol annullato a Varela, che si tuffa di testa per insaccare ma parte da posizione irregolare, e con il rosso a Mora per doppio giallo. Il difensore del Siena bruciato sulla corsa da Nzita, deve immolarsi per evitare la superiorità pescarese in area toscana. I padroni di casa chiudono il tempo con il 4-3-2 per evitare di andare al riposo prendendo gol. Il Pescara batte una serie di angoli, senza trovare il bersaglio. E sembra smarrirsi nel momento in cui potrebbe ammazzare la partita.

Il Siena, invece, trova energie nervose e convinzione quando tutto sembra andare a rotoli. E il clamoroso (e meritato) vantaggio, mancato per due volte nel finale di tempo (Di Gennaro miracoloso prima sul tocco nell’area piccola di Varela su cross di Di Santo e poi sul colpo di testa di Milesi), arriva in pieno recupero con il tiro di Pezzella – deviato da Frascatore – che inganna Di Gennaro.

La ripresa è in alita e Auteri deve ridisegnare il quadro per rimontare al Franchi. Con Ferrari e Clemenza dal 1’, il Delfino passa al 4-3-3. Il Siena non è pronto a gestire subito il nuovo Pescara e si fa infilare. L’argentino sul cross da sinistra di Nzita domina in area e pareggia: terzo gol consecutivo del Loco, il quinto stagionale. Ora c’è un tempo intero per provare a vincerla con l’uomo in più. Ma i minuti passano e il Siena riesce ad assestare la partita sul binario del pari. Auteri allora prova un’altra mossa: il 4-2-3-1 con Marilungo e Bocic in attacco, fuori uno stanchissimo Memushaj. Al 28’ la migliore occasione per il sorpasso: Clemenza fa tutto bene ma il suo tiro a botta sicura viene murato da un difensore. In pieno recupero, ancora un colpo di testa di Ferrari vicinissimo all’angolino. Troppo poco contro un avversario provato da 50’ abbondanti d’inferiorità.

Il tabellino

SIENA: Lanni 6; Milesi 5,5, Terzi 6, Farcas 6 (dal 36’ s.t. Favalli s.v.); Mora 5, Bianchi 5,5, Pezzella 6,5 (dal 36’ s.t. Bani s.t.), Cardoselli 6 (dal 12’ s.t. Acquadro 6), Disanto 6,5; Guberti 6 (dal 43’ p.t. Marcellusi 5,5); Varela 6 (dal 36’ s.t. Karlsson s.v.). A disp. Marocco, Zaccone, Conson, Darini, Conti, Caccavallo, Montiel. All. Gilardino.

PESCARA: Di Gennaro 6,5; Cancellotti 6, Veroli 7, Frascatore 6; Zappella 5 (dal 1’ s.t. Clemenza 6), Rizzo 5,5, Pompetti 7, Memushaj 5 (dall’11’ s.t. Bocic 6), Nzita 6,5; Rauti 5,5 (dal 1’ s.t. Ferrari 7), De Marchi 5,5 (dall’11’ Marilungo 5,5). A disp. Sorrentino, Radaelli, Sakho, Rasi, Drudi, Sanogo, Ingrosso, Diambo. All. Auteri.

Arbitro: Marini di Trieste 6.

Reti: nel p.t. 47’ Pezzella (S); nel s.t. 2’ Ferrari (P).

Note: spettatori 2.500 circa; espulsi Mora (S) 39’ p.t. per doppia ammonizione; ammoniti Mora (S), Rauti (P), De Marchi (P), Rizzo (P), Disanto (S), Terzi (S); recuperi 2’ p.t., 4’ s.t.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Siena-Pescara 1-1, un punto e tanti rimpianti

IlPescara è in caricamento