Calcio

Sampdoria-Pescara 6-0: la Samp schianta il Delfino

A Marassi finisce in debacle per il Pescara di Bergodi. I blucerchiati rifilano sei reti agli adriatici, oggi sicuramente nella versione peggiore. In evidenza il giovane Icardi autore di 4 reti

Il Pescara crolla a Marassi sotto i colpi, ben sei,  di una determinatissima Sampdoria.  Troppo grande la voglia dei blucerchiati di dedicare una vittoria allo scomparso patron Riccardo Garrone, troppo poca cosa la squadra del Pescara vista in terra ligure.  Un approccio alla gara del tutto sbagliato, quello dei biancazzurri, che costringerà Bergodi a riflettere e a trovare il modo di toccare le giuste corde dei suoi. Senza cattiveria, determinazione e grinta, la salvezza per il Pescara sarà un miraggio. Imbarazzante anche l’esordio del nuovo arrivato Caraglio. L’argentino, alla prima in A, è sembrato davvero poca cosa: appesantito oltre modo e, comprensibilmente, senza un gran feeling con i suoi compagni. Per la Samp, dopo la dolorosa scomparsa di Garrone, una gara perfetta e senza alcuna sbavatura.

IL MATCH Pronti via e subito appare evidente la determinazione dei padroni di casa di conquistare l’intera posta in palio. Dopo due guizzi di Eder, le cui due conclusioni terminano alte sulla traversa, è De Silvestri a chiamare Perin al suo primo intervento di giornata. Al 31’ però i blucerchiati passano: Terlizzi trattiene in area Gastaldello e l’arbitro decreta il penalty. Dal dischetto Eder spiazza Perin e fa uno a zero. Il portierino biancazzurro però c’è e con una straordinaria parata, su un impetuoso colpo di testa di Costa, strozza l’urlo dei tifosi della grandinata doriana che già pregustavano il raddoppio. Al 37’, però,  Icardi lascia sul posto Capuano e a tu per tu con Perin allarga il piatto destro e infila la palla all’angolino.  Sul finale del primo tempo il Pescara avrebbe l’opportunità di accorciare le distanze, ma l’arbitro Tommasi non giudica falloso un evidente trattenuta di Gastaldello su Terlizzi. Nel secondo tempo, quando i più si aspettavano un approccio più grintoso del Pescara, i padroni di casa dilagano e infilano altre quattro reti ai biancazzurri. Il tre a zero arriva al 50’ grazie a Obiang che con un preciso destro a giro da fuori non lascia scampo a Perin.  Sul tre a zero sale in cattedra il talento cristallino di Manuel Icardi che, al 56’ al 58’ e al 71’, va a segno altre tre volte mandando letteralmente al tappeto un inebetito Pescara.

TABELLINO

Sampdoria (3-5-2): Romero, Gastaldello, Palombo, Costa, De Silvestri, Obiang, Krsticic, Poli (68’ Munari), Estigarribia, Eder (59’ Soriano), Icardi (70’ Maxi Lopez). Allenatore: Delio Rossi.

Pescara (4-3-1-2): Perin, Balzano, Terlizzi, Capuano, Bocchetti, Blasi (82’ Nielsen), D’Agostino, Cascione, Bjarnason, Caraglio (63’ Rizzo), Celik (52’ Vukusic). Allenatore: Cristiano Bergodi.

Ammoniti: Capuano, Obiang

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sampdoria-Pescara 6-0: la Samp schianta il Delfino

IlPescara è in caricamento