Tanti auguri a Nella Grossi, 80 anni d'amore e tifo per il Delfino - FOTO -

Un compleanno speciale per la tifosa più amata d'Italia. Tantissimi i messaggi di auguri ricevuti da questa arzilla signora che rappresenta il club Donne Biancazzurre

Nella Grossi festeggia i suoi 80 anni, circondata dall'affetto dei suoi familiari e dai tantissimi esponenti del mondo del calcio e del tifo organizzato conosciuti nel corso della sua lunga militanza negli stadi. La sua casa di via Gioberti a Pescara è invasa di mazzi di fiori e regali di ogni tipo, ricevuti da ogni parte d'Italia. Per tutto il giorno il cellulare di Nella ha squillato in continuazione ed anche una troupe televisiva l'ha voluta raggiungere per dedicarle un servizio speciale. Nella si gode questo bel traguardo, mostrando agli ospiti i ritagli di giornale e le fotografie che la ritraggono con le vecchie glorie di Pescara e Milan, le sue squadre del cuore. Come si fa a dividere la propria fede calcistica?

"Semplice. E' come essere madre di due figli. Non si può voler bene ad uno piuttosto che all'altro. Il mio cuore è per metà rossonero e per metà biancazzurro"

Ricorda perfettamente la sua prima partita di calcio vissuta sugli spalti all'età di 12 anni:

"Abitavo a Montesilvano e spontaneamente andai a vedere una gara della locale formazione che militava nel campionato dilettanti. Fu allora che mi appassionai a questo sport. All'epoca il Milan era tra le squadre più forti al mondo ed iniziai a simpatizzare per il Diavolo. Quante litigate con i miei compagni di classe, tifosi di Juventus e Inter !! Pensa che per coronare il mio sogno di assistere dal vivo ad un Milan - Real Madrid di Coppa dei Campioni, costrinsi il mio fidanzato Achille ad anticipare la data delle nozze per avere in regalo i biglietti della partita in programma allo stadio San Siro.

Era il 1964. lavoravo alla Sacedo e grazie ad un mio collega di Milano riuscii a procurarmi il posto sulle gradinate dell'anello superiore. Rimasi colpita dallo striscione Donne Rossonere e feci una promessa al mio Achille: quando il Pescara andrà in serie A farò un club tutto al femminile. La prima storica promozione avvenne il 3 luglio del 1977 e il 20 dello stesso mese fondai il club Donne Biancazzurre".

Allo stadio Adriatico Nella mise piede per la prima volta nel 1960 in curva sud, trascinando qualche anno dopo suo figlio Giancarlo di soli tre mesi. Tantissime le trasferte fatte al seguito del Delfino: 

"Gli anni più belli li ho vissuti con Tom Rosati allenatore e con Giovanni Galeone. ma non posso dimenticare il bel rapporto di amicizia instaurato con la famiglia di Giancarlo Cadè, con Delio Rossi e con Maurizio Sarri. Tra i giocatori del passato, mi sento ancora oggi con Franco Baldini, Mauro Joriatti e Filippo Galli. Il primo a farmi gli auguri è stato Memushaj e anche Sansovini si è ricordato del mio compleanno".

La Pescara Calcio ha pubblicato un post beneaugurante sulle sue pagine social, a dimostrazione del forte legame con la tifosissima signora. Sabato 15, nell'ambito di una festa privata a corso Manthonè, Nella spegnerà le 80 candeline e il giorno dopo, domenica 16 febbraio, Sergio Cinquino trasmetterà un servizio speciale su questo avvenimento nel corso della trasmissione sportiva "Non solo calcio" in onda alle ore 15 su Vera Tv.

nella grossi 2-2-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, allerta a Pescara: quarantena per alcune persone che hanno avuto contatti con pazienti infetti

  • La ristoratrice pescarese Marilena Di Stilio del locale "La Pecora Nera" si lancia nel mondo dei film per adulti

  • Incidente mortale a Moscufo, identificate le quattro vittime

  • Schianto mortale nella notte, deceduti quattro uomini a Moscufo [FOTO]

  • Muore davanti alla moglie incinta ed alla figlia: dramma a Montesilvano

  • Esce di strada e si ribalta, incidente mortale a Cepagatti [FOTO]

Torna su
IlPescara è in caricamento