Acqua e Sapone, Jesulito racconta le sue giornate in quarantena

Parla il giocatore spagnolo: "I miei figli sono i miei primi tifosi e fan di tutta la nostra squadra. Mi chiedono sempre quando ricomincerà il campionato e amano stare qui, non vorrebbero tornare in Spagna"

Acqua e Sapone, Jesulito racconta le sue giornate in quarantena durante questo periodo di emergenza sanitaria da coronavirus. Ecco cosa dice il giocatore spagnolo:

“Per prima cosa, io e mia moglie facciamo i compiti con i bambini. Li aiutiamo e seguiamo nelle attività che la scuola ha assegnato loro per questo periodo di chiusura. La spesa? Ci pensa mia moglie, va lei una sola volta a settimana, tutti i lunedì”.

Dopo i compiti, la mattinata prosegue con "la finale di Champions League tra le mura di casa":

“I miei due figli mi sfidano e ci divertiamo molto a giocare insieme, cercando di non sfasciare nulla con il pallone… Di solito indossano le magliette dell’Acqua&Sapone in queste sfide, oppure quelle del Barcellona. Sono i miei primi tifosi e fan di tutta la nostra squadra. Mi chiedono sempre quando ricomincerà il campionato e amano stare qui, non vorrebbero tornare in Spagna. Spero di tornare in campo per finire la stagione, e poi restare a lungo con questa società e farli vivere per un po’ in questa terra meravigliosa”.

Quando non si gioca, si va tutti in cucina ad aiutare la mamma a preparare una torta, che poi ovviamente i tre maschi di casa fanno finire nel giro di poche ore.

“Diciamo che proviamo a farla tutti insieme, ma alla fine è mia moglie a fare gran parte del lavoro. Mentre a noi tocca il “compito” di mangiarla. Ci va decisamente bene”.

A mezzogiorno è l’ora dell’allenamento:

“Seguo le schede che ci ha preparato il prof Aiello. Ogni giorno. Cerco di stare al massimo per quando, mi auguro, si tornerà a giocare. Anche mia moglie si allena con me, adattando il lavoro ai suoi ritmi, naturalmente”.

Poi c’è il pranzo, e un po’ di tempo sul divano:

“Siamo abbonati a Netflix e vediamo ogni giorno film e cartoni animati per bambini. Il loro preferito è il Re Leone”.

Ogni giorno, la famiglia dedica un po’ di tempo ai nonni, che vivono a Cadice e sono adesso in piena emergenza coronavirus, come noi in Italia:

“Sì, la situazione ora è bruttissima anche in Spagna. Sentiamo le nostre famiglie e facciamo salutare loro i nipotini, questo li aiuta a tenere duro in questi giorni difficili”.

Poi la sera si torna con il pensiero a quel palazzetto chiuso e al pallone che è rimasto fermo in magazzino. Jesulito spera di poter giocare ancora:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Sì, vorrei lottare fino all’ultimo secondo di questo campionato. Se si torna in campo a maggio, e si termina a giugno, per me va benissimo. Io giocherei anche fino ad agosto rinunciando alle vacanze. L’importante è che questo brutto momento passi e che venga garantita la salute di tutti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È morto Tonino Renzitti, il tabaccaio di piazza Salotto

  • Marsilio firma l'ordinanza sui protocolli di sicurezza per la fase 2, ecco le regole per il mare

  • Fase 2, vecchie abitudini: scoppia una rissa nella zona di piazza Muzii [FOTO]

  • Dal 25 maggio i medici di famiglia e pediatri potranno visionare direttamente i referti dei tamponi

  • Coronavirus, l'Abruzzo piange altre 4 vittime: erano tutte di Pescara e provincia

  • Movida Pescara, due persone denunciate per ubriachezza molesta e 9 multate perché senza mascherina

Torna su
IlPescara è in caricamento