rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Basket

Non solo Fontecchio, il basket Usa è pazzo di un altro pescarese: Marcello Di Russo

Classe 1998, è il primo coach di formazione italiana a essere stato nominato capo allenatore di una squadra NCAA!

Pescara chiama, gli Stati Uniti rispondono! Dopo Simone Fontecchio, un altro pescarese sta scrivendo una pagina di storia della pallacanestro statunitense. Si tratta di Marcello Di Russo ed è  il primo coach di formazione italiana a essere nominato capo allenatore in una squadra di basket della NCAA. Allenerà nella prossima stagione il City College di New York, squadra femminile di Division III. Ancora molto giovane ma assai appassionato e competente, Di Russo da piccolo ha iniziato a praticare il basket con l'Antoniana Pescara e da allora si è innamorato di questa disciplina che ora lo ha portato dall'altra parte dell'Oceano per conquistare quella che è la patria della palla a spicchi mondiale.

Dopo essersi trasferito a Firenze per studiare architettura, Di Russo ha sentito forte, fortissimo il richiamo della pallacanestro  ed ha iniziato a lavorare con i corsi scolastici minibasket del Pino Dragons Firenze. Dopo meno di due anni,si è così ritrovato ad essere il Responsabile Minibasket per il Pino Dragons e a lavorare con alcuni gruppi giovanili e presto nel giro del Progetto di Qualificazione Nazionale culminato con la panchina da assistente al Trofeo delle Regioni con la rappresentative Toscana, arrivata in finale (vinse il Lazio quell'anno).

Altra esperienza importante per lui alla Juve Pallacanestro Pontedera, come allenatore del settore giovanile e assistente della prima squadra, al tempo in Divisione Nazionale C.In due anni, lasciata la facoltà di Architettura, si è dedicato a tempo pieno alla pallacanestro. E la scelta si è rivelata felice se ora, a distanza di non troppo tempo, è ora il primo allenatore di cultura italiana in una squadra di basket della NCAA. Nel 2015 il trasferimento negli Usa, dopo una vacanza l'anno prima a New York. La sua scalata è iniziata così, dopo aver completato il community college continuati gli studi (bachelor e master), fino ad arrivare ad essere  il primo italiano che, dopo aver allenato in Italia, assume un incarico di questo tipo in NCAA. La sua carriera nel basket femminile è iniziata al LaGuardia Community College (Queens) dove è stato due anni e nel 2016 da assistente ha aiutato la squadra a terminare la stagione 23-8 vincendo la CUNYAC conference. Poi ancora una stagione da assistente della squadra alla Cristo Rey Brooklyn High School e infine dal 2019 al 2021 al Five Towns College, università della USCAA a Long Island. E adesso la grandissima chance di guidare il City College, dove era stato assistente prima della storica promozione a capo tecnico. 

Gianfranco Vecchiati, Bruno Pace e Sandro D'Incecco i primi maestri a Pescara di questo allenatore di talento che ora, sposato e papà di una bimba, è pronto a conquistare per davvero gli States. Quello entrante sarà il primo anno da Head Coach, ma il quarto complessivo a CCNY. Fu assunto da assistente subito dopo la pandemia e ora l’obiettivo a breve-medio termine è quello di riportare solidità al programma del team femminile che sta già facendo parlare il mondo del basket. Il City College di New York, università storica fondata nel 1847 e che vanta ben 12 Premi Nobel e 5 campioni olimpici (tutti nella scherma) tra gli ex studenti, appartiene alla Conference CUNYAC, composta di sole 8 squadre e la squadra vincente passerà al torneo nazionale. L’apparizione al primo anno al torneo nazionale NCAA sarebbe un traguardo molto prestigioso dato che CCNY non vince dal 1996. Situato nel cuore di Harlem, il City College of New York, fondato come Free Academy of the City of New York, è stato il primo college pubblico negli Stati Uniti ed è dunque un punto di riferimento culturale e non solo sportivo di grande importanza. 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non solo Fontecchio, il basket Usa è pazzo di un altro pescarese: Marcello Di Russo

IlPescara è in caricamento