Sport

Acqua&Sapone: l'Orange Asti vince anche la bella e va in finale

Emmegross sconfitta nella semifinale di Calcio a 5 e il sogno finisce. I piemontesi si impongono 2-1. La squadra pescarese, purtroppo, deve tornare mestamente a casa

Una serie emozionante, che ha onorato il futsal e ha raccolto applausi e complimenti ad ogni latitudine: la semifinale si chiude in gara-3 con la qualificazione dell’Orange Futsal. La vittoria per 2-1 nella “bella” consente ai piemontesi di piegare la resistenza di un’AcquaeSapone Emmegross tenace, coraggiosa e di qualità, nel gioco e nei singoli. I piemontesi, alla fine, sono premiati dalla fortuna (tre legni ieri per i nerazzurri), dal fattore campo e da una più ampia rotazione del roster a disposizione. 

Nonostante le fatiche di gara-2 giocata solo due giorni prima, le due squadre vogliono sbloccarla e inclinare la bilancia dalla propria parte. Nei primi dieci minuti, Crema salva sulla linea il rasoterra di Paulinho, poi Murilo sbaglia al limite della propria area e la coppia Ramon-Chimanguinho per poco non punisce Mammarella. Immediata risposta nerazzurra: Burrito scappa sulla banda destra, serve Cesaroni che viene stoppato da una gran parata di Espindola in uscita. Il portiere piemontese fa un altro grande intervento su Murilo al 10’.

Dopo un quarto di gara, il bilancio delle occasioni dice: zero parate di Mammarella, tre miracoli di Espindola. Ma nella parte finale di tempo, i padroni di casa salgono di ritmo e centrano una clamorosa traversa con il sinistro potente di Bertoni in contropiede. Episodio che gela un po’ il sangue nelle vene di Murilo e compagni, salvati da una parata a terra di Mammarella sul tacco di De Oliveira, prima di crollare a 30’’ dalla sirena sul tap in di Nora dopo la traversa di Follador. All’intervallo, la qualificazione sembra essere più lontana.

Bellarte si gioca tutta la ripresa con Burrito portiere di movimento. Prima palla e Jonas sfiora il pareggio, un giocatore Orange salva sulla linea. La porta sempre scoperta ingolosisce l’Asti che ci prova spesso dalla distanza. Prima Schiochet salva sulla linea il tiro di De Luca, poi Espindola prende il palo direttamente su rinvio. La risposta nerazzurra al 10’, sempre con Jonas che viene fermato da una parata di spalla del portiere astigiano. Jonas è la speranza: sua una traversa pazzesca all’11’.

Ancora l’ex protagonista, calcia col destro a lato un rigore in movimento. Gol mangiato, gol subito: Chimanguinho ruba una palla a metà campo e insacca il 2 a 0 nella porta sguarnita. Imperturbabile, la squadra di Bellarte insiste con il portiere e trova il gol dell’1-2 con il solito Jonas (sono 25 in stagione!). Mancano 4’ e la traversa dice no al bolide dalla distanza di Schiochet.

La trama di passaggi e possesso palla porta qualche brivido, ma anche molti palloni non concretizzati sul secondo palo o salvati per un pelo da Espindola. L’Asti è sulle gambe, ma regge fino alla sirena. E va in finale, con merito. Si chiude una bella cavalcata, con qualche rimpianto, ma anche applausi per un gruppo che si è spremuto fino all’ultima goccia di sudore.

ORANGE FUTSAL - ACQUAeSAPONE EMMEGROSS 2-1 (pt 1-0)

Orange Futsal: Espindola, Nora, Follador, Bertoni, De Luca, Romano, Chimanguinho, De Oliveira, Crema, Ramon, Zanella, Casassa. All. Cafu.

AcquaeSapone Emmegross: Mammarella, Burrito, Bufalari, Paulinho, Mimi, Sidney, Mambella, Murilo, Montefalcone, Cesaroni, Jonas, Schiochet. All. Bellarte.

Arbitri: Di Gregorio di Enna, Delpiano di Cagliari, Morabito di Vercelli. Crono: Pasquino di Nichelino.

Reti: nel pt 19’30’’ Nora (O); nel st 12’ Chimanguinho (O), 15’ Jonas (A).

Note: ammoniti Murilo (A), Casassa (O), Paulinho (A).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Acqua&Sapone: l'Orange Asti vince anche la bella e va in finale

IlPescara è in caricamento