rotate-mobile
Sabato, 29 Gennaio 2022
Earth Day Italia

Riciclo carta: in un contesto regionale virtuoso, Pescara è un po’ in discesa

Nel sud dell'Italia l'Abruzzo è sul podio, al primo posto, per raccolta pro capite di carta e cartone con 43,2 kg. E la provincia pescarese si posiziona bene,ma leggermente in flessione

Ben 57 mila tonnellate di carta e cartone raccolte nel 201 in Abruzzo, vale a dire 43,2 kg di media pro capite,  in linea con il dato dello scorso anno. E la buona notizia è che la cifra è di poco inferiore alla media nazionale (48,9kg/abitante); così la regione virtuosa si colloca al primo posto tra quele del Sud per la raccolta. È quanto emerge dal XVIII Rapporto sulla raccolta differenziata di carta e cartone presentato da Comieco, il Consorzio Nazionale per il recupero e riciclo degli imballaggi cellulosici.

Tra tutti i materiali che possiamo recuperare, carta e cartone – che in Italia rappresentano circa il 30% dei rifiuti – sono sicuramente quelli che si prestano maggiormente al riciclo. La cellulosa in essi contenuta può essere sottoposta a ripetuti utilizzi, primo fra tutti la produzione di carta riciclata. È sufficiente recuperare una tonnellata di materiale cellulosico per salvare 3 alberi alti 20 metri, riducendo l'impatto ambientale e risparmiando le fonti di energia. Basti pensare che per produrre una tonnellata di carta occorrono 15 alberi, 440.000 litri di acqua e 7.600 chilowattora di energia elettrica, mentre per produrre la stessa quantità di carta riciclata non serve abbattere alberi, i litri di acqua sono 1.800 e 2.700 i chilowattora. 

In Abruzzo la provincia di Chieti si conferma la più ‘morigerata’ a livello regionale con ben 48,7kg di carta e cartone raccolti. Seguono Teramo (43,5 kg/ab) e Pescara (42,2 kg/ab), un po’ in discesa rispetto allo scorso anno. Chiude la classifica la provincia de L’Aquila, con 36,8 kg/abitante, che registra tuttavia una crescita (+ 3,5%) rispetto allo scorso anno.

Il riciclo della carta in Europa raggiunge nel 2012 la quota del 71,7%. Secondo l’ERPC - European Recovered Paper Council - il consumo del “prezioso materiale” attualmente, nel vecchio continente è sceso del 13% rispetto al livello del 1998, ma la quantità di carta riciclata è di 1,5 volte superiore a quello dello stesso anno. L’Europa, afferma Comieco, è leader in questo settore con la fibra di carta europea che viene riciclata ben 3,5 volte l'anno, mentre a livello mondiale la media è di 2,4 volte. Nel contesto europeo, l’Italia la fa da padrona con oltre 9 Imballaggi su 10 recuperati, è spiegato nel rapporto del Consorzio. 

Nel 2012, Comieco ha trasferito ai Comuni della Regione oltre 2,1 milioni di euro di corrispettivi. “Segno che la raccolta differenziata di carta e cartone può portare a notevoli vantaggi economici per gli enti locali, in questo momento di difficoltà nel reperire risorse. In questa ottica è stata sottoscritta lo scorso maggio, l’intesa tra Regione Abruzzo e Comieco, volta a promuovere sul territorio le buone pratiche di raccolta differenziata di carta e cartone.” ha affermato Carlo Montalbetti, Direttore Generale di Comieco.

Ma il dato  ancora più interessante, riferisce Comieco in una nota, è quello che riguarda la costruzione di nuove discariche: dal 1998 al 2012, grazie ai risultati della raccolta differenziata, nel Bel Paese si è evitata la costruzione di ben 270 nuove discariche, 22 solo nel 2012! 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riciclo carta: in un contesto regionale virtuoso, Pescara è un po’ in discesa

IlPescara è in caricamento