rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Earth Day Italia

Mare, spiaggia e una lettura green sotto l'ombrellone

Un bel libro sotto l'ombrellone non può mancare, ecco qualche titolo green.

Il più classico dei passatempi da spiaggia. Un bel libro rilassante con il suono del mare che fa da sottofondo è uno dei must imprescindibile di ogni estate anche in Abruzzo. Earth Day italia vi propone delle letture interessanti, piacevoli e ovviamente green.

Il primo è “La mia  vita a impatto zero” di Paola Maugeri del 2012. La popolare presentatrice e voce radiofonica, racconta come è cambiata la sua vita introducendo nel quotidiano degli stili che non influiscano negativamente sulla natura. Perché si può vivere senza sprechi e rispettando se stessi e il pianeta, gli altri e persino gli animali, divertendosi anche moltissimo. In famiglia, con gli amici e persino con gli amanti. Girare in bicicletta, invece che in automobile. Usare le candele in romanticissime cenette vegetariane, foriere di seduzioni irresistibili. Oppure, se si è radicali come Paola, a staccare del tutto il contatore, invitare gli amici a giocare in salotto con un maglione in più, inventarsi il nuovo frigorifero nell'intercapedine della porta di una bellissima casa di ringhiera, portare il proprio figlio in gita sul camion della spazzatura per controllare il ciclo dello smaltimento della raccolta differenziata.  Filiera corta, frutta e verdura a km zero, niente fragole a dicembre, pannelli fotovoltaici, lampadine a basso consumo, pannolini riutilizzabili e addio all'auto. E allora un metodo diviene filosofia di vita e allude a tutta la sua storia. Quella di una ragazza siciliana che cresce in un quartiere dove è normale dare fuoco alla spazzatura e ai cassonetti in una cultura dove la criminalità mafiosa incrocia lo spregio e lo sfregio dell'ambiente.

Un’altra lettura interessante per capire meglio la natura e cosa può significare a livello economico è il libro “Green Italy” scritto da Ermete Realacci. L’onorevole da sempre ambientalista, tanto che è stato nominato presidente onorario di Legambiente, ci racconta come attraverso l’ambiente e la natura si possa combattere la crisi economica odierna e rilanciare l’intero Paese. Certo non sarà facile, ma attraverso le pagine del testo, appare chiaro che se sapremo guardare l'Italia con occhi diversi da quelli delle agenzie di rating, con affetto e curiosità coglieremo tanti nostri talenti pronti ad esplodere. Realacci racconta, dal Nord al Sud, storie di un'alleanza tra imprese e comunità, tra ambiente e nuovi modi di vivere che possono traghettarci verso un paese più desiderabile e più competitivo. Una Green Italy dove la green economy sposa le vocazioni nazionali, tiene insieme le tradizioni con l'elettronica e la meccanica di precisione. Punta su qualità, ricerca e conoscenza per produrre un'economia più sostenibile e innovativa. Si apre ai mercati globali e rinsalda i legami con il territorio, facendosi forte della coesione sociale e del capitale umano. È la via di un patriottismo dolce che può cambiare l'Italia. Un'idea di futuro per l'economia, la società, la politica.

Il terzo libro che vi proponiamo è “Falce e rastrello. La rivoluzione verde del Guerrilla gardening. Storie di resistenza al degrado urbano” di Federica Seneghini pubblicato nel 2012. Il libro affronta il problema del degrado urbano e di come possa essere recuperato in maniera sostenibile. Se nell’ immaginario condiviso gli spazi aperti diventano (spesso) 'habitat del degrado' o interstizi in attesa di 'cambio di destinazione d'uso', chi sceglie di prendersene cura, in modo volontario, sa che le proprie azioni assumono un ruolo civico, sociale, economico, politico e - volendo - anche educativo. [...] Che l'azione dei Guerrilla Gardeners sia consapevole e comprensiva di quest'insieme di implicazioni, i "giardinieri civici" lo dimostrano nelle parole con cui raccontano la propria esperienza a Federica Seneghini." (dalla postfazione di Luca Martinelli). Una vera chiamata alle armi, o meglio alla falce e rastrello.

Una lettura che pone un obiettivo chiaro, partendo dal titolo, è  “Non sprecare” di Antonio Galdo del 2008. L’autore racconta le storie di coloro che hanno rifiutato la china che conduce al consumo inconsapevole di tutto ciò che compone la nostra vita, coloro che hanno scelto di non sprecare se stessi. Un agronomo ha creato una rete di "Last minute market": per non sprecare cibo si raccolgono confezioni vicine alla scadenza per orfanotrofi e ospedali. Due celebri cuochi predicano una cucina fatta anche di avanzi. Una ragazza anoressica si fa fotografare nuda per una campagna del Ministero della Salute. La fondazione Civicum fa le pulci a bilanci e spese delle pubbliche amministrazioni: una battaglia di civiltà. A Milano una comunità aiuta a superare la dipendenza dalla febbre degli acquisti. Un monaco camaldolese misura e pesa le parole, le riduce all'essenzialità. Un esperto di clima del CNR racconta i guasti dei nostri sprechi delle risorse ambientali.

Simpatico e originale è invece "Pane e Bugie" di Dario Bressanini del 2011. Luoghi comuni e stereotipi che si ripetono ovunque tra, media e vecchie dicerie popolari, analizzate e messe a nudo come ad esempio il pesto è cancerogeno? Lo zucchero bianco: per carità! Meglio quello di canna. Il glutammato fa malissimo... E gli spaghetti radioattivi? Ah no, io compro solo pane biologico, prodotti locali e di stagione. Quanta apprensione intorno alla nostra tavola. E quante bugie. Ma a chi dobbiamo credere? L'approssimazione in cucina non funziona, nemmeno per preparare un piatto di spaghetti. Meglio verificare quanto tv, web, giornali, radio ci propinano ogni giorno: mentre ci scanniamo sugli OGM in realtà già mangiamo frutta, verdura e cereali derivati da modificazioni genetiche indotte da radiazioni nucleari (perché nessuno lo dice?); abbiamo il terrore della chimica ma ci dimentichiamo che per esempio la vanillina è un estratto da una lavorazione del petrolio e che il caffè contiene sostanze cancerogene. Mostri come la fragola-pesce e altre diavolerie occupano il nostro immaginario, ma quali sono davvero i rischi che corriamo? Ecco un aiuto a non farsi ingannare da messaggi troppo facili ed emotivi. Ci guadagneremo in razionalità, salute e portafoglio.

Insomma mare, spiaggia, ombrellone, bevanda fresca e un bel libro, e che sia Green.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mare, spiaggia e una lettura green sotto l'ombrellone

IlPescara è in caricamento