Cos’è la ventricina: l’insaccato che il resto d’Italia invidia all’Abruzzo

Definire la ventricina solamente un insaccato è riduttivo e, soprattutto, bisogna distinguerne le varie versioni

La ventricina è un insaccato crudo di suino molto utilizzato nella nostra regione, in Molise, ma meno in altre, come quelle che affacciano sul Tirreno.

Tuttavia, definire la ventricina solamente un insaccato è riduttivo e, soprattutto, bisogna distinguerne le varie versioni. Da Nord a Sud le cose cambiano, quasi, drasticamente. Infatti c’è una bella differenza tra la ventricina vastese e la ventricina teramana.

Quello su cui tutti sono d’accordo è però la sua origine: il ventre del maiale.

Ventricina di Vasto

La ventricina vastese vanta una stagionatura che parte da un minimo di 90 giorni, è arricchita con polvere di peperone dolce, che le conferisce un bel colore rosso brillante, ed è composta principalmente da parti magre. Il grasso che la compone (circa il 20%) è di pancetta e di prosciutto.

Ventricina di Teramo

La ventricina di Teramo è più grassa e contiene buccia d’arancia, rosmarino, aglio e pasta di peperoni. Anche se si tratta di un insaccato, quella teramana si spalma sul pane tostato e per questo motivo è chiamata anche “nutella salata abruzzese”.

Quinoa: perché fa bene

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esplosione e forte boato al confine fra Pescara e Montesilvano: sul posto i vigili del fuoco

  • "Il caffè è compagnia, così non si può lavorare": bar di Montesilvano preferisce chiudere

  • Uomo ritrovato morto nella sua stanza dal padre anziano, tragedia in viale Bovio

  • Addio a Guido Filippone, Cepagatti piange il suo "Barone"

  • Cerbiatto corre sul lungomare sud di Pescara, il video fa il giro del web

  • Cerca casa in affitto a Pescara e dintorni ma le viene chiesto se sia italiana, caso di discriminazione accaduto a una ragazza

Torna su
IlPescara è in caricamento