rotate-mobile
social

Con 96 punti il Reale di Niko Romito è il miglior ristorante per il Gambero Rosso, ma non è l’unico in Abruzzo

Non solo Romito, sono molti i riconoscimenti assegnati alle insegne abruzzesi della ristorazione

Niko Romito, Massimo Bottura e Heinz Beck. È questa la classifica stilata dalla giuria di massimi esperti di Gambero Rosso. La 33esima edizione della guida ai migliori Ristoranti d’Italia 2023 non lascia dubbi: il tris di chef tra i più amati e conosciuti al mondo continua a conquistare con proposte culinarie senza eguali.

Sono 96 su 100 i punti assegnati alla cucina del Reale di Castel di Sangro di Niko Romito che batte ancora una volta, ma di un solo punto, l’Osteria Francesca di Massimo Bottura e La Pergola dell’Hotel Rome Cavalieri di Heinz Beck.

A Romito anche un riconoscimento speciale. Il Gambero Rosso gli ha infatti assegnato anche il premio come miglior proposta vegetariana, in cui il Reale ha trionfato insieme al Gramen del Lefay Resort a Gargnano (BS) e Tenerumi del Therasia Resort a Vulcano (ME).

“Non è stato facile trasformare il menu degustazione del ‘Reale’ in proposta solo ed esclusivamente vegetale, ho ricevuto subito disdette a tavola per questo. Una scelta non dettata dalla per moda ma dalle possibilità del vegetale di indicare un percorso nuovo in un momento in cui si cerca una nuova direzione” sono state le parole di Niko Romito sul palco di Spazio Field a Palazzo Brancaccio alla presentazione della guida ai Ristoranti d’Italia 2023 di Gambero Rosso.

Non solo Romito: gli altri ristoranti premiati in Abruzzo

Lo chef Romito è stato il maggior protagonista della guida e della premiazione Gambero Rosso dei migliori ristoranti d’Italia 2023, ma in Abruzzo ci sono tanti altri nomi che hanno trionfato e sono entrati di diritto nell’ambito manuale enogastronomico.

Uno di questi è La Bandiera di Civitella Casanova, in provincia di Pescara, proprietà della famiglia Spadone. La Bandiera ha conquistato il titolo speciale come Miglior Proposta al Bicchiere 2023.

New entry di questa edizione è il MoM bistrot di cucina vegetale creativa di Luigina Di Benedetto e Massimiliano Riccioni a Fano Adriano (Teramo), che ha preso un premio speciale Tradizione Futura per il trend alla sostenibilità.

Si aggiungono altri premi speciali, come quello qualità/prezzo, in collaborazione con Ferzo Wines (Chieti), al ristorante Zunica 1880 di Civitella del Tronto (Teramo). Tre Gamberi (Trattorie) al Vecchia Marina di Roseto degli Abruzzi (Teramo). Tre Cocotte (Bistrot) a Spazio Niko Romito Bar e Cucina, di Roma.

Nella guida Gambero Rosso 2023 sono stati segnalati, inoltre, 82 insegne abruzzesi, tra cui numerose novità. Spiccano i nomi di La Bilancia a Loreto Aprutino (Pescara), Osteria del Mare a Pescara, Bellariva ad Alba Adriatica (Teramo), Hostaria Zedi in Atri (Teramo), Masseria Tattoni a Bellante (Teramo), Futura a Chieti, MOM cucina vegetale creativa a Fano Adriano (Teramo), Il Primo Papavero a L’Aquila, Rever a L’Aquila, Manetta Lab a Roseto degli Abruzzi (Teramo), Contempo Bar Experience a Teramo, Ostrea a Tortoreto (Teramo).

Sul fronte le grandi cantine di riferimento regionali troviamo i nomi di Illuminati di Controguerra (Teramo) e Cantina Tollo di Tollo (Chieti) per l’Abruzzo.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Con 96 punti il Reale di Niko Romito è il miglior ristorante per il Gambero Rosso, ma non è l’unico in Abruzzo

IlPescara è in caricamento