Venerdì, 12 Luglio 2024
social

La nuova guida Pane e panettieri d’Italia 2025 di Gambero Rosso premia cinque forni del Pescarese

Nella sesta edizione del manuale, dedicata agli artigiani del pane, artefici di prodotti da forno sempre più autentici, spicca Mercato del Pane di Montesilvano; ancora una volta l’azienda è stata insignita con il massimo titolo

Sono stati inseriti ben 14 forni abruzzesi nell’ultimissima guida di Gambero Rosso dedicata all’arte della panificazione: Pane e panettieri d’Italia 2025. Ben 5 sono del Pescarese, di cui uno ha conquistato – come lo scorso anno – il riconoscimento più elevato: i Tre pani.

Nella sesta edizione del manuale, dedicata agli artigiani del pane, artefici di prodotti da forno sempre più autentici, spicca Mercato del Pane di Montesilvano; ancora una volta l’azienda è stata insignita con il massimo titolo.

Mercato del pane con la sua squadra di fornai e pasticceri “esploratori” appassionati e dinamici, chiave del successo dell’insegna consacrata al pane agricolo cento per cento abruzzese che racconta il territorio nella sostanza e nei profumi. Alla base della piramide rovesciata stanno i fondatori del progetto (e cugini), Luigi Morsella, maestro panificatore, e Pierpaolo De Felice. Qui il pane è fatto come una volta, dalla campagna in città con una filiera sempre più autosufficiente con il grano dei propri campi alle falde della Maiella dove ha sede il panificio. Ogni giorno l’insegna sforna tipologie di pane “selvaggio” (calendario online) fatto con pasta madre e farine di varietà tradizionali lavorate a pietre circolari dal molino Lattanzio. Fiore all’occhiello è il pane di Solina (Vestino), crosta croccante e brunita, mollica naturalmente aromatica, buono fino all’ultima fetta come anche il pane di segale. Pizzapane e pizza a trancio a lievitazione naturale con semola rimacinata e biga, curata pasticceria “agricola” dai sapori stagionali, panfrutto con segale e frutta a guscio, parrozzo e pandoro. In vendita anche pasta di grano duro San Carlo dei propri campi. Altre sedi/bakery a San Silvestro e Pescara centro.

Non solo Mercato del Pane, i Tre pani sono andati anche a Førma Bakery a L’Aquila. Per esprimere l’essenza della montagna aquilana, suo territorio d’origine, il giovane chef Simone Ciuffetelli va a caccia di grani autoctoni coltivati in modo naturale in loco. Pane e dolci da lui prodotti sono frutto di grande tecnica ed estro personale. Grani naturali tradizionali a filiera corta tracciata, farine setacciate quanto basta, educazione alla qualità, consapevolezza, responsabilità. Il progetto di Førma Bakery fa un balzo in avanti impiegando per almeno il 40% grani della propria azienda agricola e di coltivatori locali. Dalla Piana di Navelli arriva il grano saraceno base del nuovo pane stagionale con germogli freschi (di saraceno) e semi di papavero, un prodotto ricco di sapore vegetale e di nutrienti importanti. Pane e dolci sono realizzati con tecnica e spirito di ricerca, si va dalla classica pagnotta Førma (Solina e Senatore Cappelli) alta, scura ed elegante, alla ciabatta di farro dicocco, al bauletto di segale antica e Solina con farro cotto e semi, focaccia pugliese, croissant con lievito madre, lemon tart con sablé di Solina integrale. Speciali anche biscotteria e grandi lievitati.

Un premio speciale, ossia “Pane e territorio” è stato invece assegnato a un forno del chietino: Farina del mio sacco di Atessa.

Nella cortissima filiera del Frassineto, vecchia varietà di grano autoctono, c’è l’impegno di questo panificio, la cui produzione è limitata secondo disponibilità della materia prima. Un calendario settimanale scandisce le tipologie di pane bio sfornato ogni giorno: di farro in purezza, grani duri antichi, miscuglio evolutivo, avena e Solina, di segale, saraceno e Solina, baguette, focacce, vegan tart, brioche e pasticceria agricola di carattere.

Gli altri forni pescaresi citati nella guida sono Il vecchio Mulino di Penne, Antica Panetteria Alessandra, Forno Ardito e Il panettiere e la massaia di Pescara.

Di seguito l’elenco completo:  

  • Mercato del pane, Montesilvano – Tre pani
  • Førma Bakery, L’Aquila – Tre pani
  • Farina del mio sacco, Atessa – premio speciale Pane e Territorio
  • Alt – Stazione del gusto, Castel di Sangro – Due Pani
  • Forno a legna Mancini, Campli – Un pane
  • Il pane di Collemaggio, L’Aquila – Un pane
  • Pane di Prata, L’Aquila – Due pani
  • Panificio Picciano Giovanni & C., Ortona – Un pane
  • Il vecchio Mulino, Penne – Un pane
  • Antica Panetteria Alessandra, Pescara – Un pane
  • Forno Ardito, Pescara – Due pani
  • Il panettiere e la massaia, Pescara – Un pane
  • Il vecchio forno Pinocchio, Pescasseroli – Un pane
  • L’arte del pane, San Vito Chietino – Due pani
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La nuova guida Pane e panettieri d’Italia 2025 di Gambero Rosso premia cinque forni del Pescarese
IlPescara è in caricamento