Foliage autunnale in Abruzzo: dove ammirare l’irresistibile scenario della caduta delle foglie

Il foliage in Abruzzo è possibile ammirarlo in vari luoghi, anche nella vicina Pescara

Credits: òsabina_speranza_ Via Instagram

Sembrano paesaggi incantati, dove il rosso e l’arancio delimitano e ricoprono i sentieri contornati dagli alberi con i loro rami ormai spogli. È il foliage d’autunno, uno scenario naturale bellissimo e irresistibile che, in ottobre, è possibile ammirare in vari luoghi in Abruzzo, anche in provincia di Pescara.

Il foliage, o caduta delle foglie, è un fenomeno naturale che si ripete ogni anno durante la stagione autunnale. Segna, in natura, il passaggio dall’estate all’inverno, il cambio delle temperature e una sorta di rinnovamento degli alberi: via il vecchio per fare spazio al nuovo.

Il foliage in Abruzzo è possibile ammirarlo in vari luoghi, anche nella vicina Pescara. Vediamo quali sono i posti da visitare per lasciarsi impressionare da questo paesaggio incantato.

La Riserva Naturale di Lama Bianca

Nella Riserva Naturale di Lama Bianca, nel comune pescarese di Sant’Eufemia a Maiella, possiamo ammirare il foliage autunnale abruzzese. Basta percorrere il sentiero ad anello, meglio noto come Lama Bianca, che è perfetto anche per i bambini ed è stato ideato per i diversamente abili. Qui c’è anche un Giardino Botanico e la possibilità di visitare i borghi cittadini, tra cui quello di Roccacaramanico.

Il Bosco di Sant’Antonio a Pescocostanzo

Basta spostarsi nell’aquilano per ammirare uno dei luoghi più suggestivi che abbiamo in Abruzzo: il Bosco di Sant’Antonio. È qui che c’è una delle più belle faggete d’Italia. Si tratta di una riserva naturale visitabile tutto l’anno ma, in autunno, regala uno spettacolo a dir poco mozzafiato. Una volta qui potrete anche visitare all’interno del Palazzo del Fanzago il Museo dell’Artigianato Artistico e del Tombolo.

La Faggeta Vetusta della Val Cervara

Sempre in provincia dell’Aquila, a Villavallelonga, c’è la Faggeta Vetusta della Val Cervara, che è patrimonio Unesco. È un posto unico, dove l’azione dell’uomo non è arrivata. Solo i pastori ne hanno fatto (buon) uso durante la transumanza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Per il Tg1 l'Abruzzo diventa "#zonarozza": la gaffe spopola sul web

  • Uomo ritrovato morto nella sua stanza dal padre anziano, tragedia in viale Bovio

  • Cerbiatto corre sul lungomare sud di Pescara, il video fa il giro del web

  • Furto d'identità a Pescara, il caso finisce a "Le Iene" [VIDEO]

  • Addio a Guido Filippone, Cepagatti piange il suo "Barone"

  • Ha i sintomi del Covid dopo la positività del coinquilino ma il tampone arriva dopo 20 giorni, il racconto di un pescarese

Torna su
IlPescara è in caricamento