Celli ripieni, i tradizionali biscotti Made in Abruzzo

I celli ripieni sono biscotti tipici abruzzesi

@domenicacooks via Instagram

Se parliamo di biscotti tipici abruzzesi, non possiamo far altro che riferirci ai celli ripieni, che in dialetto assumono sfumature differenti e colorite.

Inizialmente erano fatti in casa nei giorni di festa, in particolar modo in occasione di un matrimonio. Venivano, infatti, offerti a tutti gli invitati.

La tradizione vuole anche che, sulle tavole abruzzesi, i celli ripieni fossero serviti alla fine, così da offrire un ultimo biscotto, sorprendentemente unico e buono.

Ricetta

Come si preparano i celli ripieni secondo la tradizione? In verità esistono tante ricette, tramandate di generazione in generazione, e che hanno subito quindi delle modifiche. Tuttavia la sostanza cambia poco o niente. Di seguito la lista degli ingredienti:

  • 1 chilo e 200 grammi di farina
  • 5 uova intere
  • 250 grammi di zucchero
  • mezzo litro di olio extravergine di oliva
  • mezzo litro di vino bianco secco

Per il ripieno:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Procedimento. Il giorno prima della preparazione, si mescolano in una ciotola tutti gli ingredienti del ripieno e si lascia riposare. Poi si può passare alla preparazione dell'impasto, versando la farina a fontana, cui vanno aggiunti uova, zucchero, limone grattugiato, olio e vino. L'impasto va lasciato riposare per almeno un quarto d'ora, dopodiché si può stendere la pasta con la macchinetta, fino a ricavare strisce larghe 5/6 centimetri e lunghe 15/20. A questo punto si inizia la farcitura: usando un cucchiaio, si mette un po' di ripieno su ogni striscia, poi si chiude schiacciando bene i bordi fino a ottenere una mezza luna. I bordi vanno rifiniti usando la rotella dentata. A questo punto si possono unire le estremità, formando il tarallo. Si bagna un lato sullo zucchero semolato e si inforna a 180 gradi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Lotto premia l'Abruzzo: grande vincita ad Avezzano

  • Nuovo Dpcm, scatta la protesta a Pescara: corteo da piazza Muzii fino al Comune

  • SuperEnalotto bacia l'Abruzzo con una maxi vincita: centrato il "5" da 100.375,95 euro

  • Maxi frode e corruzione all'Uoc di Cardiochirugia di Chieti: arresti anche a Pescara

  • Coronavirus, Marsilio firma nuova ordinanza: "Didattica a distanza per scuole superiori e università"

  • La provocazione di un cittadino: "Da domani, in macchina, percorrerò le piste ciclabili"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPescara è in caricamento