rotate-mobile
Mercoledì, 17 Aprile 2024
social

36 cantine dell’Abruzzo alla terza edizione di Slow Wine Fair 2024: 5 sono del Pescarese

In questi giorni – dal 25 al 27 febbraio – si sta tenendo la terza edizione di Slow Wine Fair 2024 e dall’Abruzzo partecipano 36 cantine, di cui 5 sono del Pescarese

In questi giorni – dal 25 al 27 febbraio – si sta tenendo la terza edizione di Slow Wine Fair 2024 e dall’Abruzzo partecipano 36 cantine, di cui 5 sono del Pescarese.

La manifestazione dedicata al vino buono, pulito e giusto è stata organizzata da BolognaFiere con la direzione artistica di Slow Food.

Slow Wine Fair rappresenta l’incontro internazionale della Slow Wine Coalition e quest’anno riunisce circa 1000 cantine selezionate da Slow Food e operatori della filiera del vino provenienti da 27 Paesi e da tutte le regioni italiane.

Tra questi, la commissione di assaggio di Slow Food ha confermato la partecipazione di 36 cantine dell’Abruzzo, regione che, secondo la guida Slow Wine 2024, tra mare, collina e montagna, con due vitigni principi e tre denominazioni di riferimento (Trebbiano, Cerasuolo e Montepulciano d’Abruzzo) più altri interessanti autoctoni, ha un’identità precisa e articolata, con poche ed essenziali variabili in una miriade di vini e stili diversi.

Il tessuto produttivo è complesso, fatto di grandi, talvolta enormi realtà cooperative; di medie e grandi tenute, alcune delle quali hanno tracciato le fortune del vino abruzzese nel mondo, e poi di piccole realtà agricole, in forte aumento. La pressante siccità, un problema serio ormai da anni, è stata alleviata da piogge a metà giugno che hanno reintegrato in parte le riserve idriche, consentendo una maturazione equilibrata. I vini hanno generalmente un buon estratto, ricchezza e acidità. In particolare la tipologia dei Cerasuolo d’Abruzzo presenta tanti vini deliziosi, dal frutto croccante e di spiccata componente acida: pieni, ma allo stesso tempo ben contrastati e con una beva agile e scattante. 

Di seguito le cantine del Pescarese che partecipano a questa edizione di Slow Wine Fair 2024:

  • Cingilia - Cugnoli
  • Tenuta Arabona - Manoppello
  • Tenuta Pescarina - Spoltore
  • Tenuta Tre Gemme - Catignano
  • Torre Raone - Loreto Aprutino

Di seguito l’elenco delle altre cantine abruzzesi partecipanti, suddivise per provincia:

Provincia dell’Aquila

  • Cataldi Madonna - Ofena
  • Pescara Vini di Pescara Guerino - Pratola Peligna
  • Praesidium - Prezza

Provincia di Chieti

  • Buzzarone_Vignaiolo In Castelferrato - Torrevecchia Teatina
  • Cantina Wilma - Chieti
  • Cantine Caravaggio - Rocca San Giovanni
  • Citra Vini - Ortona
  • Famiglia di Carlo-Vignamadre - Villa Caldari
  • Fattoria Teatina - Sambuceto
  • Feudo Antico - Tollo
  • Fontefico - Vasto
  • Maligni - Chieti
  • Nododivino - Ortona
  • Olivastri Tommaso - San Vito Chietino
  • Pasetti - Francavilla al Mare
  • Pesolillo Tenuta Agricola - Chieti
  • Piandimare - Villamagna
  • Rabottini - San Giovanni Teatino
  • Simigliani - Ripa Teatina
  • Tenuta I Fauri - Ari
  • Terre d'Erce - Vasto
  • Zappacosta Vini – Chieti

Provincia di Teramo

  • Abbazia di Propezzano - Morro d’Oro
  • Ausonia - Nocella
  • Barone Cornacchia - Torano Nuovo
  • Cantina Bossanova - Controguerra
  • Cerulli Spinozzi - Canzano
  • Fattoria Nicodemi - Notaresco
  • San Lorenzo - Castilenti
  • Tenuta Terraviva - Tortoreto
  • Tenute Barone di Valforte - Silvi

L’Abruzzo è rappresentato anche da Paesani Liquori di Montorio al Vomano e Scuppoz Liquori di Campli, entrambi in provincia di Teramo, tra gli espositori di amari selezionati grazie alla collaborazione di Amaroteca e Associazione Nazionale Amaro d’Italia, secondo precisi criteri, quali l’utilizzo di ingredienti locali e provenienti da coltivazioni sostenibili che prevedano, tra gli altri, un corretto uso del suolo.

Torna anche quest’anno il Premio Carta Vini Terroir e Spirito Slow, primo spin off dei Milano Wine Week Awards, che celebrano le migliori selezioni vinicole del mondo e del retail. Dopo aver raccolto oltre 500 candidature da parte del pubblico fino al 31 gennaio, gli appassionati hanno potuto effettuare una prima scrematura. Mentre a BolognaFiere, lunedì 26 febbraio, è una giuria di esperti a decretare i premiati tra enoteche, ristoranti, winebar e osterie che si sono distinti per le loro selezioni territoriali e tematiche.  

Tra i locali candidati nella categoria Migliore selezione di vini con un buon rapporto qualità-prezzo è presente il Bellariva Enoteca Bistrot di Alba Adriatica (Te).

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

36 cantine dell’Abruzzo alla terza edizione di Slow Wine Fair 2024: 5 sono del Pescarese

IlPescara è in caricamento