menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
@unsplash

@unsplash

Blue Monday 2021, il giorno più triste dell’anno: ma perché dovrebbe esserlo?

Il terzo lunedì di gennaio di ogni anno

Si chiama Blue Monday (il terzo lunedì di gennaio di ogni anno) ed è considerato il giorno più triste dell’anno, secondo i Paesi dell’emisfero boreale. È davvero così? Che storia c’è dietro?

Innanzitutto non c’è alcuna evidenza scientifica, quindi non è nient’altro che una ‘trovata’ per definire un giorno come un altro.

L’idea del terzo lunedì del mese venne, però, a uno psicologo, il professore Cliff Arnall, dell’Università di Cardiff. Eppure la data perfetta del Blue Monday e le spiegazioni dello studioso non sono state viste di buon occhio dall’istituto, che prese le distanze dalle teorie di Arnall e molti colleghi lo criticarono definendo il suo lavoro privo di senso e farsesco.

Tuttavia, ci sono comunque delle condizioni che portano a pensare che questo giorno, o meglio dire questo periodo, possa essere davvero considerato deprimente.

4 motivi per cui il Blue Monday è davvero un giorno triste

È un lunedì che, come tutti i lunedì, segna la fine del weekend, quindi del relax e l’inizio della settimana lavorativa, scolastica o comunque il primo giorno di una serie fatta di impegni e commissioni.

Cade all’inizio della seconda metà del mese, a breve distanza dalla fine delle festività natalizie.

In più, proprio in questi giorni si fanno già i primi conti con i buoni propositi prefissati per l’anno nuovo, propositi che, per sommi capi, potrebbero essere già stati falliti, o non ancora iniziati.

Aggiungiamo poi il meteo, le temperature che solitamente sono piuttosto fredde e gelide, giornate in cui le ore di sole sono poche, ed ecco che il livello di felicità interna si abbassa mentre si innalza quello di tristezza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento