Salute Ospedale

Con la sonda "e-worm" la colonscopia è indolore all'ospedale di Popoli

La Uosd diretta da Marco Basile si dota di una nuova strumentazione ad alta tecnologia: niente sedazione e nessun rischio di perforazione

Colonscopia indolore e senza necessità di sedazione. Ora è possibile farla all'ospedale di Popoli grazie alla sonda “e-worm”, il cosiddetto “bruco elettronico”, entrata tra le strumentazioni della Uosd (Unità operativa semplice dipartimentale) di Chirurgia Endoscopia dell'ospedale, diretta da  Marco Basile.
Un innovativo strumento diagnostico per la colonscopia robotica, attualmente a disposizioni solo di pochi centri e rigorosamente “made in Italy”.

La nuova tecnologia, nata dall'osservazione del movimento dei bruchi geometridi, è infatti stata cerata a Pisa grazie alla Scuola Superiore Sant'Anna, con la strumentazione messa a punto da un'impresa spin-off dell'università degli studi della città toscana, in collaborazione con il Polo scientifico e tecnologico di Peccioli.

Sebbene, specifica la Asl in una nota, la strumentazione non possa sostituire la colonscopia tradizionale nei casi più gravi come ad esempio in caso di polipectomine maggiori, con esami mediamente più lunghi rispetto ai tempi di esecuzioni di quella classica, l'utilizzo dell'e-worm ha una invasività decisamente minore. La caratteristica principale dello strumento è la sua particolare flessibilità ed il fatto che si muove a “trazione anteriore”, cioè senza spinta dall’esterno. Per tale motivo la sonda risulta del tutto atraumatica a differenza di quanto avviene con la colonscopia tradizionale che prevede la “spinta” esterna dell'operatore della sonda, portando quindi ad uno stiramento delle pareri del colon e del mesocolon. Tecnica, quest'ultima, che provoca dolore e, in rarissimi casi, anche perforazione.

Due problematiche inesistenti nel caso di utilizzo della e-worm che, seppur capace di raggiungere tratti del colon ad elevatissima angolarità, ha lo zero per cento di probabilità di perforarlo, senza tra l'altro procurare alcun dolore al paziente che, al termine dell'esame, può subito riprendere le attività quotidiane. Vantaggi la strumentazione li ha anche per la sua conservazione: la sonda non ha bisogno di armadi ventilati, ma può essere tenuta in un normale magazzino. Anche in termini di utilizzo la strumentazione è più semplice e richiede una formazione relativamente breve per l'abilitazione all'uso.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Con la sonda "e-worm" la colonscopia è indolore all'ospedale di Popoli
IlPescara è in caricamento