Politica

Zona Franca Urbana: approvato decreto sviluppo bis, il commento di Marinella Sclocco (PD)

Il consigliere regionale pescarese Marinella Sclocco interviene sulla questione della Zona Franca Urbana, chiedendo alla Regione di agire subito

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di IlPescara

"Sono mesi che insisto sull'argomento e finalmente dopo il lavoro del Partito Democratico sia in Regione che a Roma con l'emendamento del Senatore Giovanni Legnini, l'Abruzzo è inserito nella riprogrammazione dei fondi comunitari non spesi.

Si evince chiaramente - spiega Marinella Sclocco, consigliere regionale del PD - dal contenuto del testo approvato all'articolo 37 bis Zone a burocrazia zero ((…)(3. Per le aree ubicate nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia, ove la zona a burocrazia zero coincida con una delle zone franche urbane di cui all'articolo 37, le risorse previste per tali zone franche urbane, ai sensi dell'articolo 1, comma 340, della legge 27 dicembre 2006, n.296, sono utilizzate dal sindaco territorialmente competente per la concessione di contributi diretti alle nuove iniziative produttive avviate nelle zone a burocrazia zero.)

Spero ora che la maggioranza in Regione faccia scrupolosamente la sua parte e metta immediatamente in iter tutti gli atti necessari affinché la Zona Franca Urbana di Pescara possa fruire di questi sgravi così da favorire il rilancio dell'economia. Ancora una volta il Gruppo PD in Regione - conclude soddisfatta del risultato raggiunto la consigliera - fornisce elementi di buon governo dei territori alla maggioranza che, senza il nostro stimolo, avrebbe perso una opportunità importante per il suo territorio e per l'economia già fortemente in perdita. (mdp)

L'Aquila 20-12-2012

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zona Franca Urbana: approvato decreto sviluppo bis, il commento di Marinella Sclocco (PD)

IlPescara è in caricamento