menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il sindaco Masci sul nuovo caso di violenza in centro: "Facciamo affidamento sul senso civico dei pescaresi"

A sedare la lite ed evitare che avesse conseguenze ben più gravi è stato l'intervento di alcuni agenti in servizio in borghese della polizia municipale

Il sindaco di Pescara, Carlo Masci, lancia un appello ai cittadini, compresi i titolari dei locali della movida in centro, dopo l'ennesimo episodio di violenza che si è verificato sabato sera, questa volta in via Piave.
A sedare la lite ed evitare che avesse conseguenze ben più gravi è stato l'intervento di alcuni agenti in servizio in borghese della polizia municipale.

Gli agenti, che si stavano occupando di eseguire controlli sulla somministrazione di alcoolici ai minorenni, sono riusciti a interrompere la colluttazione e a separare i contendenti, uno dei quali, precedentemente controllato, era rimasto ferito all’arcata sopraccigliare destra (poi soccorso dal 118). «Il tempismo manifestato dagli uomini della Municipale», si legge in una nota del Comune, «e l’efficacia della loro azione denota non solo le capacità dei singoli e la qualità del corpo di polizia comandato dal maggiore Danilo Palestini, ma è altresì eloquente delle misure di controllo del territorio nelle zone e nei momenti in cui le violazioni alle leggi e alle norme comportamentali del vivere civile sono più a rischio. In via Piave erano presenti quattro agenti e due ufficiali in borghese e due agenti in divisa».

Questo, invece, quanto dice il primo cittadino:

«Pur garantendo il massimo impegno nel contrasto al degrado, nella prevenzione e nella repressione di reati e di illeciti amministrativi facciamo affidamento sulla responsabilità e il senso civico dei pescaresi, compresi gli esercenti delle attività commerciali e i residenti nelle vie interessate dalla movida, sia per quanto concerne il comportamento sia per la segnalazione di episodi e di situazioni particolari. La sicurezza non penalizza il divertimento, né nelle sue manifestazioni né nella sua intensità, ma garantisce a tutti di poterne usufruire nel pieno rispetto delle regole».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento