menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Villa Pini: interviene Legnini, PD: "Sono con voi"

Nella giornata di ieri c'era stata la protesta con tanto di occupazione da parte dei dipendenti di Villa Pini, con l'aiuto dei sindacati. Una trentina di minuti di cori, striscioni e slogan, poi l'arrivo dei Carabinieri. Il senatore Legnini: "Sto con voi"

Un'altra giornata di proteste vibranti ieri da parte dei lavoratori di Villa Pini, senza stipendio ormai dai più di sei mesi. La situazione diventa ogni giorno più grave, tanto da portare i dipendenti, con la collaborazione dei rappresentanti sindacali, ad occupare l'accettazione della clinica.

Disagi ai pazienti in attesa, al personale al lavoro, con slogan, urla e cartelli per chiedere finalmente un intervento, ma il tutto è durato circa trenta minuti, fino all'arrivo dei Carabinieri. Una manifestazione pacifica, alla quale ha partecipato anche il Senatore Legnini, del PD, che ha rilasciato alcune dichiarazioni importanti.

"E' una situazione insostenibile, non si può andare avanti così. Perfino i pazienti sono solidali con i lavoratori, ci sono storie davvero tragiche, che devono essere risolte al più presto" ha detto Legnini, tra la folla di persone che lo ha cercato per chiedere sostegno ed aiuto.

Storie come quella di una bambina che, per salutare la maestra prima delle vacanze estive, le ha scritto un tema dove le dice addio, visto che dovrà tornare a vivere con i nonni in Puglia, a causa dei soldi che non ci sono più per andare avanti. I genitori, infatti, sono entrambi dipendenti di Villa Pini.

Legnini prosegue: "Il Pd e l'opposizione regionale hanno ottenuto un Consiglio Regionale straordinario, ma come tutti sapete è stato perfettamente inutile, almeno per la posizione dei lavoratori, le vere vittime di questo scandalo. La burocrazia ha vinto.
Ora mi impegnerò ogni giorno per sbloccare la situazione, voglio incontrare l'Assessore Venturoni e fare un esposto in Procura. Chi è stato eletto ha il dovere di intervenire per i propri cittadini, scavalcando anche i lavoro quotidiano per emergenze più importanti".

Una promessa come le altre fino ad ora ricevute? I dipendenti ormai si attaccano ad ogni speranza, in attesa che qualcuno, finalmente, riesca a far smuovere il gruppo Angelini, che sembra letteralmente svanito nel nulla.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPescara è in caricamento